New Hope, ovvero tessitrici di nuove speranze. Apre a Caserta il primo Store

New Hope, ovvero tessitrici di nuove speranze. Apre a Caserta il primo Store

(Beatrice Crisci) – “New Hope rappresenta il segno di come si possa fare lavoro e rendere il mondo nuovo”. Così il vescovo emerito Raffaele Nogaro in occasione della presentazione del New Hope Store. E’ questo il primo negozio nato a Caserta, in via Redentore 50, grazie alla cooperativa sociale New Hope che vide la luce nel maggio del 2004 grazie a Casa Rut, il centro di accoglienza gestito dalle suore Orsoline. “C’è qui ora la globalizzazione delle genti – ha sottolineato Nogaro, rivolgendosi all’affollatissima platea – perché ogni colore, ogni popolo, ogni tribù della Terra è rappresentato in questa famiglia delle suore Orsoline”. Con Nogaro, anche il vescovo di Caserta Giovanni D’Alise e naturalmente suor Rita Giaretta. E’ lei l’artefice di tutto ciò, lei che da venti anni è impegnata a Caserta nella sfida di ridare dignità e speranza alle donne vittime di violenza e sfruttamento. Lei a Caserta è “la buona samaritana”. Grazie a suor Rita New Hope è diventato un laboratorio di sartoria etnica e un’ occasione per conoscere, attraverso i prodotti che vi si confezionano, la cultura e le etnie delle tante donne che vi lavorano. Ora un altro sogno che si realizza: lo store. Uno spazio pieno di colori e di fantasia dove si possono ammirare ed acquistare straordinari manufatti: borse, zaini, portadocumenti, accessori personali e di arredo ideati e realizzati in Italia da mani di tutto il mondo. “Ogni manufatto – dice suor Rita – racconta di un percorso di vita, di una rinascita e del coraggio della speranza”.  Dopo la presentazione nella sala della Biblioteca, il taglio del nastro del primo store per New Hope. “Lavoro non beneficenza, solidarietà non assistenza caritatevole. Il lavoro – sottolinea la presidente di New Hope Radegonde Nizigiymana – è l’unico strumento per recuperare pienamente la dignità e la speranza che troppo spesso le donne migranti perdono nei loro difficili percorsi”.

@beatricecrisci

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9571 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Il fico, quel dolce fiore tentatore da gustare come frutto estivo

Maria Beatrice Crisci -«Lo sapevate che noi mangiamo non già i frutti dell’albero di fico, ma i fiori?». Così il professore Marcellino Monda, ordinario di Fisiologia e direttore del reparto

Primo piano

Dalla Reggia di Caserta a Fragneto Monforte. Signori, si vola

Maria Beatrice Crisci – Il 24 settembre scorso nel parco della Reggia di Caserta lo spettacolo unico del pallone aerostatico ha anticipato l’evento di sabato 14 ottobre a Fragneto Monforte,

Primo piano

Artemia al Museo Campano di Capua con la rassegna “Fragmenta”

L’Associazione di Promozione sociale Artemia – che da oltre un biennio lavora per valorizzare, promuovere e diffondere il patrimonio culturale della Regione Campania – ha trovato nel Museo Campano di