Olevano sul Tusciano, tris d’assi al Nardantuono Festival

Olevano sul Tusciano, tris d’assi al Nardantuono Festival

(Beatrice Crisci) – Saranno Enzo Gragnaniello, James Senese ed Eugenio Bennato ad avvicendarsi sul palco del Nardantuono Festival. Appuntamento al Palazzetto dello Sport di Olevano sul Tusciano, nel Parco dei Monti Picentini, in provincia di Salerno, per giovedì 29 dicembre a partire dalle ore 19. Titolo del concerto “Questa non è una festa”.

enzo-gragnaniello

E’ questa la prima edizione invernale della Saga di Nardantuono con la direzione Artistica di Egidio Carbone. Aprirà il concerto il gruppo di musica tradizionale Sette Bocche, con la partecipazione di Piervito Grisù, Patrizia Spinosi e Michele Bonè.

Il concerto chiuderà la Saga, la rappresentazione scenica che si svolge da tredici anni, ispirata alla figura del brigante e ribelle, a cavallo fra mito e realtà, di Antonio Di Nardo detto Nardantuono. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato allo Sviluppo e al Turismo della Regione Campania nell’ambito dei progetti del Piano Operativo Complementare 2014-2020 e vede coinvolti i comuni di Acerno, Castiglione del Genovesi, Campagna, Giffoni Sei Casali, Giffoni Valle Piana e Olevano Sul Tusciano in qualità di capofila. Ingresso libero.

eugenio-bennato«Non si si tratta di mera conservazione e ripetizione. Non ci può essere innovazione senza tradizione», dichiara il direttore artistico Egidio Carbone. In questi tre artisti il connubio è evidente al punto da aver fatto nascere dei veri e propri stili che, a dispetto delle leggi di mercato, continuano ad incontrare ancora un grande riscontro di pubblico, di tutte le età». Eugenio Bennato ha, nel corso di diversi decenni, innovato profondamente la tradizione, tanto da diventare un riferimento. «Porterò ad Olevano il concerto che ho eseguito in giro per il mondo e pochi giorni fa a Kwait City e a chiusura, presenterò, come chiesto dall’amico Egidio, un inedito dal titolo ‘Questa non è una festa’. Il brano – dice Bennato – sottolinea il carattere rivoluzionario e antagonista contro la logica globale di tutto il movimento della musica etnica del Sud, che oggi non è più un fenomeno di élite, ma che rigurada una scelta popolare di una nuova generazione. Per questo ci ho tenuto a coinvolgere anche le Sette Bocche, un gruppo salernitano di musica popolare, che sarà con me sul palco per il finale». Enzo Gragnaniello oltre a essere un cantautore è un poeta, sensibile e attento agli aspetti spirituali dell’esistenza. James Senese, premio Tenco 2016, è l’icona della costanza e della fedeltà alla propria arte e all’ideologia dei suoi messaggi, senza rinunciare alla continua sperimentazione.

Nardantuono è stato un brigante leggendario dei Monti Picentini, sulla cui esistenza le uniche testimonianze sono solo leggende popolari tramandate dagli anziani. Dodici anni fa, lo storico locale Giuseppe Strafella ne trova menzione fra le memorie del canonico Giuseppe Olivieri, che nel 1864 fu rapito e tenuto prigioniero per trentasette giorni. Grazie a questa citazione, Antonio Di Nardo, l’etiope di Montella, detto Nardantuono, esce dal mito ed entra nella storia. A lui è dedicata la grotta adiacente alla più famosa Grotta dell’Angelo, nel Comune di Olevano sul Tusciano, ai piedi del Monte Raione, dove sarebbe nascosto il suo favoloso tesoro, nella quale avrebbe compiuto gesta straordinarie, come colpire i nemici sparando dall’interno della grotta stessa, o gettare pane caldo ai soldati che tentano di assediarlo e prenderlo per fame e stenti. Una manifestazione volta alla riscoperta della tradizione e della memoria popolare, con in scena tre artisti che, in maniera diversa, portano avanti delle forme di resistenza e lotta culturale.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Lunedì in Albis. Parco aperto alla Reggia , ma “no picnic area”

Enzo Battarra – Sono stati 11.212 i visitatori che hanno trascorso la #Pasqua alla Reggia di Caserta. Era la prima domenica del mese e 7491 sono stati gli ingressi gratuiti, 3721 i

Primo piano 0 Comments

Diritto Fallimentare. Seminario in Tribunale. Ultimo incontro

Maria Beatrice Crisci – Si conclude il ciclo di incontri organizzati dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e Esperti Contabili di Caserta in collaborazione con il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere presso la

Primo piano 0 Comments

Gemelli a Palazzo. Caserta-Bergamo, amiche per la musica

Maria Beatrice Crisci – L’esibizione della banda musicale della Nato di Capodichino Department of the Navy, al Belvedere di San Leucio ha aperto ieri pomeriggio la due giorni di eventi relativi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply