Ordine e disordine. La personale di Michele Attianese al Cilento Outlet Village

Ordine e disordine. La personale di Michele Attianese al Cilento Outlet Village

Beatrice Crisci     Ordine e disordine. Questo il titolo della personale di Michele Attianese inaugurata sabato scorso alla Fornace Falcone nel Cilento Otlet Village. L’esposizione a cura di Enzo Battarra sarà visitabile fino all’8 aprile prossimo.
Battarra scrive nel testo di presentazione: “Ordine e disordine: difficile stabilire il confine. L’artista è amante del caos, il genio non ama schematismi e razionalità. Eppure la ricerca è sempre verso un equilibrio interiore/esteriore, verso un bilanciamento di forze opposte e contrarie, magari non uguali, per cui prevarranno di volta in volta l’ordine o il disordine, la disciplina formale o l’impeto creativo.

Michele Attianese percorre avanti e indietro la strada che porta ai due poli opposti, alle estremità mentali. E forse il fascino dei suoi lavori sta proprio nel viaggio, nel tormentato viaggio tra i punti di partenza e di arrivo, pronti a scambiarsi perennemente i ruoli. E non c’è arrivo, e non c’è partenza, ma attrazione e allontanamento tra i luoghi polari della mente. A tutto questo va aggiunta una sana ironia, di quelle capaci di mettere in discussione se stessi e il mondo, le leggi della natura e quelle degli uomini, le regole del gioco e quelle dell’utopia. E così eros e thanatos finiscono per essere i due pali che tengono sospeso il filo su cui si esibisce l’acrobata. E l’acrobata è ognuno di noi.

Certo che il filo per Attianese è quasi una costante, un filo visibile/invisibile che lega gli oggetti della memoria come i volumi del pensiero, che lega le immagini e le tecniche dalla fotografia alla pittura, le opere su superficie e le sculture, le storie e le fantasie. Lega per unire, ma anche per chiudere. Ed è pur sempre una chiusura aperta, con il cielo che entra in una stanza. Così è per “Open space”, il quadro dove un elicottero sorvola le poltrone di un ufficio senza più pareti, e così è per “Enclosure”, la scultura che disegna un recinto con tre solidi legati tra di loro dal ricorrente filo: platonici i solidi, platonico il recinto. Intriganti i suoi disegni di progetto.

Una stanza è anche quella di “Refraction” con le sedie disposte in ordine regolare, tale da dare un ritmo musicale al quadro, fino alla trasgressione della seduta con braccioli. E la stessa musica c’è in “Ordine e disordine” dove le geometrie si intersecano con le persone senza una prospettiva di fuga.

“Doppio piccolo carro”, “Cage”, “QB”: la figura geometrica incombe sulla figura umana in modo anche astrale. Chi porta ordine e chi disordine? Chi è la vittima nel confronto? L’etimologia vuole che il carnefice sia quello che fa carne dell’altro. Ma qui non c’è umana carnalità, solo sacra rappresentazione. I passi si perdono tra le architetture dello spazio e della mente, sono passi perduti di una qualunque storia legata a un filo. Di tutto ciò, nel suo labirinto, Arianna si fece una ragione”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7171 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Trovamento a Caserta, opere venute alla luce nella d2.0-box

Claudio Sacco – “Trovamento” è la mostra che si inaugura oggi domenica alle ore 18 nella galleria d2.0-box, al civico 10 di via Tommaso Campanella a Caserta, nella frazione di

Arte

Inmensa Luz, foto d’autore all’Instituto Cervantes di Roma

Claudio Sacco  – L’Instituto Cervantes di Roma, all’interno della programmazione internazionale di PHotoEspaña, la Fundaciòn Enaire espone anche in Italia una selezione di fotografie della collezione omonima. Da oggi venerdì

Primo piano

L’arte contemporanea racconta Maria, la mostra è a Capua

Maria Beatrice Crisci -Tra arte e spiritualità, in occasione delle iniziative promosse dall’Arciconfraternita del SS. Rosario di Capua per l’Ottocentenario domenicano e la ricorrenza del “mese mariano”, presso la Chiesa

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply