Ordine e disordine. La personale di Michele Attianese al Cilento Outlet Village

Ordine e disordine. La personale di Michele Attianese al Cilento Outlet Village

Beatrice Crisci     Ordine e disordine. Questo il titolo della personale di Michele Attianese inaugurata sabato scorso alla Fornace Falcone nel Cilento Otlet Village. L’esposizione a cura di Enzo Battarra sarà visitabile fino all’8 aprile prossimo.
Battarra scrive nel testo di presentazione: “Ordine e disordine: difficile stabilire il confine. L’artista è amante del caos, il genio non ama schematismi e razionalità. Eppure la ricerca è sempre verso un equilibrio interiore/esteriore, verso un bilanciamento di forze opposte e contrarie, magari non uguali, per cui prevarranno di volta in volta l’ordine o il disordine, la disciplina formale o l’impeto creativo.

Michele Attianese percorre avanti e indietro la strada che porta ai due poli opposti, alle estremità mentali. E forse il fascino dei suoi lavori sta proprio nel viaggio, nel tormentato viaggio tra i punti di partenza e di arrivo, pronti a scambiarsi perennemente i ruoli. E non c’è arrivo, e non c’è partenza, ma attrazione e allontanamento tra i luoghi polari della mente. A tutto questo va aggiunta una sana ironia, di quelle capaci di mettere in discussione se stessi e il mondo, le leggi della natura e quelle degli uomini, le regole del gioco e quelle dell’utopia. E così eros e thanatos finiscono per essere i due pali che tengono sospeso il filo su cui si esibisce l’acrobata. E l’acrobata è ognuno di noi.

Certo che il filo per Attianese è quasi una costante, un filo visibile/invisibile che lega gli oggetti della memoria come i volumi del pensiero, che lega le immagini e le tecniche dalla fotografia alla pittura, le opere su superficie e le sculture, le storie e le fantasie. Lega per unire, ma anche per chiudere. Ed è pur sempre una chiusura aperta, con il cielo che entra in una stanza. Così è per “Open space”, il quadro dove un elicottero sorvola le poltrone di un ufficio senza più pareti, e così è per “Enclosure”, la scultura che disegna un recinto con tre solidi legati tra di loro dal ricorrente filo: platonici i solidi, platonico il recinto. Intriganti i suoi disegni di progetto.

Una stanza è anche quella di “Refraction” con le sedie disposte in ordine regolare, tale da dare un ritmo musicale al quadro, fino alla trasgressione della seduta con braccioli. E la stessa musica c’è in “Ordine e disordine” dove le geometrie si intersecano con le persone senza una prospettiva di fuga.

“Doppio piccolo carro”, “Cage”, “QB”: la figura geometrica incombe sulla figura umana in modo anche astrale. Chi porta ordine e chi disordine? Chi è la vittima nel confronto? L’etimologia vuole che il carnefice sia quello che fa carne dell’altro. Ma qui non c’è umana carnalità, solo sacra rappresentazione. I passi si perdono tra le architetture dello spazio e della mente, sono passi perduti di una qualunque storia legata a un filo. Di tutto ciò, nel suo labirinto, Arianna si fece una ragione”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8815 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Alla scoperta di Castel Morrone, guidati dal Liceo artistico

Luigi D’Ambra “Il territorio di Castel Morrone tra arte, storia, paesaggio e natura”. Su questo tema il liceo artistico “San Leucio” di Caserta, in collaborazione con l’istituto “Mattei” e con

Primo piano 0 Comments

A Villa Paolina espone Giovanni Tariello, artista “en plein air”

Luigi D’Ambra – L’architettura dei luoghi e la bellezza delle aree verdi hanno suggerito il titolo “En plein air!”, riferimento alla pittura all’aperto tipica degli impressionisti. L’artista Giovanni Tariello proporrà venerdì 23

Primo piano 0 Comments

Reggia di Caserta, la sala Romanelli recuperata al contemporaneo. In mostra le installazioni di Demetz e Sannino

(Enzo Battarra)               È iniziata la fase di riappropriazione da parte della Reggia di Caserta delle sale da destinare alle esposizioni d’arte, siano esse

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply