Paestum, notti di musica tra i templi

Paestum, notti di musica tra i templi

(Mario Caldara) – L’estate ormai è agli sgoccioli, le giornate di sole saranno presto sostituite dal lavoro – per alcuni questo giorno è già arrivato – e le t-shirt estive faranno posto nell’armadio a giacche pesanti e maglioni di lana. Manca davvero poco e agli amanti del mare e dell’abbronzatura toccherà fare l’ennesimo conto alla rovescia di dodici mesi. Nel frattempo, quel che rimarrà durante il resto dell’anno è il ricordo e, molto spesso, il finale, come fosse un film. E il finale per quest’estate a Peastum è memorabile. Notti stellate, arte, storia e musica creano un mix romantico, suggestivo e appassionante. Un’emozione per gli occhi e le orecchie, la pace dei sensi per i più sensibili verso l’arte della musica, o l’antichità della storia. In queste serate di fine estate, una rassegna musicale è ospitata dal tempio di Hera, la Basilica di Peastum, il più antico tra i tre templi della città. Risale al 560 a.C..

Il 25 agosto si è tenuta la serata inaugurale del programma, con un concerto dei maestri Enrico Pieranunzi, Enrico Zanisi e Rita Marcotulli, figure di spicco nel panorama jazz, che si sono esibiti al pianoforte. Basti pensare che il più giovane, Zanisi, è stato premiato nel 2014 con il premio SIAE per la creatività e si è esibito sia in jazz club italiani sia all’estero. Pieranunzi è un musicista jazz di alto rilievo, le cui performance a New York, nel prestigioso Village Vanguard, parlano per lui. La stessa Marcotulli è affermata in campo jazz, vincitrice nel 2011 del premio come miglior artista jazz italiano.

Il programma prevede altre serate di musica, cominciando da quella di domenica, con i quattro soprani riunitisi sotto il nome di Incanto, accompagnati dai Venere Ensemble; il 2 settembre sarà la volta di un’artista che non ha bisogno di presentazioni, Antonella Ruggiero; il 9 settembre, invece, sarà la serata di Consiglia Licciardi in Classica Napoletana; dulcis in fundo, il 10 settembre, come chiusura della rassegna, il quartetto The Bass Gang stupirà il pubblico con i propri contrabbassi. Serate da non perdere, con la musica sotto le stelle, miscelata ai suggestivi percorsi di luce tra i templi del Parco Archeologico di Paestum.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7519 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Miss Italia 2017. In finale cinque ragazze campane

Maria Beatrice Crisci – Teresa Caterino (Miss Campania) di San Cipriano d’Aversa (foto), Federica Calemme (Miss Cinema Campania) di Casalnuovo, Maria Cristina Lucci (Miss Curvy) di Napoli e Serena Corvino

Spettacolo 0 Comments

Ciao Al Jarreau, Caserta e la Reggia non ti dimenticheranno

(Enzo Battarra) – Tutto il mondo piange il cantante statunitense Al Jarreau. Scompare una figura fondamentale della musica contemporanea. Qui a Caserta ebbe uno dei suoi più memorabili concerti, per qualità

Cultura 0 Comments

Una marionetta chiamata Speranza, Amal sarà a Capodimonte

Luigi Fusco -Giovedì 9 settembre, a partire dalle 11, la piccola Amal, che in lingua araba vuol dire Speranza, arriverà al Museo e Real Bosco di Capodimonte e incontrerà 60

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply