Reopening, ritornano a fare sistema i musei di Terra di Lavoro

Reopening, ritornano a fare sistema i musei di Terra di Lavoro

Luigi Fusco

– Da giovedì 28 gennaio riapriranno tutti i musei inseriti nel Sistema Museale “Terra di Lavoro”, ad eccezione del Complesso Monumentale di San Leucio. Un momento importante per i già consolidati organismi museali della provincia casertana che ricade in un periodo storico difficile, ancora caratterizzato dalla condizione pandemica del covid-19.

A riannodare le fila saranno i seguenti musei: quello di Arte Contemporanea di Caserta, i civici di Maddaloni, Piedimonte Matese e San Nicola la Strada, il Parco della Memoria di San Pietro Infine e, inoltre, quello scolastico del Buonarroti e il Planetario, entrambe istituzioni casertane.

In merito alla ripresa delle attività si è espressa Lucia Monaco, assessore alla Cultura del Comune di Caserta, affermando che “L’anno appena trascorso, segnato profondamente dalla crisi pandemica, è stato difficilissimo”, ma, nonostante tutto, si è “cercato con determinazione ed ostinazione di mantenere il dialogo con il pubblico”; sottolineando, inoltre, che tanto si è “lavorato con le scuole, grazie anche ai finanziamenti della Regione Campania”, portando “avanti la mostra virtuale I colori dell’arcobaleno e il progetto L’opera del cuore ed altre iniziative”. “L’obiettivo” – ha, infine, dichiarato l’assessore – “è di far entrare il Sistema Museale “Terra di Lavoro” nel Sistema Museale Nazionale”, in quanto possiede i requisiti previsti dal DM MiBACT del 21/02/2018.

Intanto, al Mac3, il Museo di Arti Contemporanee di Caserta, per celebrare la giornata di riapertura prolungherà l’orario di accesso alla mostra Identità ritrovate, esposizione a cura di Massimo Sgroi comprensiva di una serie di opere recentemente acquisite.

Sempre in occasione delle rinnovate aperture, verrà promossa l’iniziativa “Racconta la tua storia al tuo museo”. Trattasi di un progetto destinato ai cittadini delle singole strutture museali, affinché possano regalare una loro personale “storia”, che sia anche un racconto, un’emozione, una sensazione oppure un ricordo vissuto da loro nel corso di una visita al museo di pertinenza della propria cittadina. Chi vorrà rilasciare la propria narrazione potrà farlo anche anonimamente. La data ultima per la raccolta di eventuali testimonianze è stata fissata per il 1° marzo. Le “storie” potranno essere inviate in forma testuale o come audio-racconto e successivamente saranno disposte in forma digitale.

Per ogni tipo di informazione e per saperne di più anche sugli ingressi gratuiti dei vari musei è possibile consultare il sito www.sistemamusealeterradilavoro.it.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 706 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura 0 Comments

Malot il figlio indipendente di Balzac alla Parthenope

(Antonella Guarino) – Mercoledì 22 marzo alle ore 10 presso la sede di palazzo Pacanowski dell’Università Parthenope, aula 2.5, avrà luogo la giornata internazionale “Hector Malot au carrefour des cultures”.

Primo piano 0 Comments

Giornata del Cuore, visite gratuite alla Pro Loco di San Leucio

(Luigi D’Ambra) – L’associazione Amici del Cuore, in collaborazione con la parrocchia di San Ferdinando Re e la Pro Loco del Real Sito di San Leucio, ha organizzato, per domenica

I Longobardi al Mann. Una civiltà tutta da scoprire

Mario Caldara – Un altro pezzo di storia si ricongiunge a Napoli, anche se momentaneamente. Questo frammento storico porta la firma dei Longobardi, popolo tra i meno conosciuti, fatto paradossale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply