Progetto Rilassiamoci, la Campania per i diritti dei bambini

Progetto Rilassiamoci, la Campania per i diritti dei bambini

Nel 1989 l’Onu ha sottoscritto una convenzione a cui hanno  aderito la maggior parte dei Paesi dei cinque continenti al fine di sostenere i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Nell’anniversario del trentennio dell’iniziativa, i diritti dei bambini continuano ad essere sostenuti e supportati anche attraverso  un importante progetto  a cui si darà il via proprio il giorno 20 novembre per celebrare l’importante data e che partirà dalla Regione Campania.

La proposta è il frutto di protocollo di intesa firmato dall’Autorità Garante dell’Infanzia della Regione Campania, organismo nato al fine di vigilare, promuovere e tutelare i diritti dei minori  su tutto il territorio regionale, in persona del professore Giuseppe Scialla (foto) e dell’Osservatorio Giuridico Italiano che sul territorio, si è sempre distinto per sensibilizzare, attenzionare e accendere un faro sui diritti dei più deboli e sui principali fenomeni che attanagliano la società, in persona del suo Responsabile Scientifico, l’avvocato Tiziana Barrella (foto).

Il progetto pilota partirà dalla scuola media Massimo Stanzione di Orta di Atella. La lungimirante dirigente scolastica professoressa Arcangela Del Prete, che ha promosso una serie di iniziative nel corso degli anni, volte all’inclusione, alla legalità e al sostegno psicologico, darà il battesimo a una attività di meditazione, che ha un “ruolo fondamentale nel generare benessere psicofisico globale come è stato attestato dalle più recenti ricerche scientifiche sul cervello nel campo dello stress”, come  affermano le due autrici dott.sse Marina Panatero e Tea Pecunia filosofe, note scrittrici e operatrici olistiche, che da oltre un decennio, sostengono materialmente bambini e adulti in pratiche utili al benessere. Le  protagoniste del progetto sociale “Rilassiamoci”, saranno affiancate da un team di esperti che di volta in volta, raccoglieranno le esperienze dei bambine e gli ovvi riflessi sulle loro famiglie.“In un periodo come quello odierno, in cui la pandemia mondiale ha tolto la serenità e il sorriso a molte persone, un’iniziativa  che possa essere di sostegno ai bambini e di riflesso alle famiglie è fondamentale”, spiega l’avvocato Tiziana Barrella.  “Il diritto costituzionale alla salute, include anche il benessere psicofisico e non deve necessariamente coincidere con l’assenza di una malattia”; non c’è salute senza salute mentale è stato detto in una conferenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, e questo in un certo senso è quanto vorremmo  promuovere  con l’iniziativa, aiutare i bambini a rilassarsi.”

Imparare a rilassarsi, rilasciando le tensioni, la rabbia, la frustrazione e la paura, attraverso tecniche di utilizzo del respiro e acquisizione di consapevolezza, consentirà di  sperimentare  un benessere psicofisico, maggiore serenità e lucidità, presenza mentale, senso di centratura e rigenerazione e questi effetti benefici, che influenzeranno molto positivamente sulla capacità anche di acquisizione e studio, aiuta anche  i bambini ad alleviare lo stress.

Pochi minuti al giorno di pratica, può offrire dei grandi vantaggi: oltre ad un oggettivo rilassamento, un’accresciuta attenzione, un potenziamento delle capacità creative, una migliore gestione di se stessi e una migliore relazione con gli altri è ciò che si può ottenere.

Le nuove frontiere delle neuroscienze, abbattono ogni pregiudizio sull’argomento e non si possono non rilevare, gli oggettivi vantaggi ottenuti; grazie ai più moderni e sofisticati strumenti di valutazione scientifica, numerose ricerche internazionali mostrano i benefici ottenuti attraverso l’applicazione di alcune tecniche di rilassamento. “Meditare regolarmente riduce la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress e un eccesso di stress si traduce nell’incapacità di concentrarsi, di riordinare, di applicare le conoscenze e organizzarle”, spiegano le dottoresse Panatero e Pecunia.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6366 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Economia

Riforma Madia, i commercialisti si formano

 “La riforma Madia su partecipate e servizi pubblici locali”. Questo il tema del convegno organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta per lunedì 10 ottobre. L’iniziativa si

Primo piano

Lilt for Women. A Carditello una mattinata della prevenzione

Claudio Sacco – Ottobre è il mese del Nastro Rosa della Lilt, la Lega Italiana Lotta ai Tumori. Per tutto questo mese della prevenzione sarà possibile sottoporsi a visite senologiche

Spettacolo

Emiliano De Luca, racconti in jazz al MantoLive di Caserta

(Enzo Battarra) – Saranno anche racconti melodici quelli di Emiliano De Luca, ma il suo è jazz puro, di raffinata qualità. L’appuntamento è per venerdì 10 febbraio al Mantovanellive Caserta

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply