Salviamo la Reggia di Caserta? No, grazie! Si è già salvata

Salviamo la Reggia di Caserta? No, grazie! Si è già salvata

(Beatrice Crisci)   “Salviamo la Reggia di Caserta”: questo il nome del gruppo Facebook nato già da alcuni anni, i cui moderatori sono Dario e Mauro Salvelli e Nando Astarita. In questo momento si contano 5457 membri, certo un bel numero! E fu certamente una legittima intuizione creare un gruppo che avesse come obiettivo quello di salvare la Reggia. A quell’epoca il palazzo vanvitelliano si trovava in palese difficoltà, dove ogni elemento negativo, legato o meno a un pur evidente parziale degrado, veniva amplificato ed esasperato. La Reggia, pur palesando il suo malessere, era diventata oggetto di un attacco mediatico sulla cui buona fede c’è ancora oggi molto da dubitare. Va anche detto che quella campagna di stampa così diffamatoria è servita però a convincere il Ministero a impegnare energie e risorse per far risalire la china. Di questo si sono fatti carico anche alcuni casertani autentici. E tra le iniziative mediatiche corrette c’è stata certamente la creazione del blog “Salviamo la Reggia di Caserta”.

Ora, a distanza di tempo, e dopo aver assaggiato la cura Felicori, una vera e propria terapia intensiva fatta di risultati concreti e di un forte impatto mediatico positivo, il titolo del blog ha un sapore desueto. La Reggia di Caserta va ancora salvata? Suvvia, la Reggia si è salvata. In primis perché capace di salvarsi da sola, e questo per merito di re Carlo e di un architetto come Luigi Vanvitelli. E poi perché il direttore Mauro Felicori è riuscito a ribaltare, a sovvertire quella strisciante persecuzione che avrebbe voluto inficiare il giudizio incantato che da sempre il mondo intero esprime sul monumento. Alla grande intuizione di aver creato questo gruppo con questo nome, gli stessi fondatori dovrebbero forse pensare oggi a un nuovo slogan.

Inoltre, è successo nelle scorse ore e occasionalmente anche nei giorni precedenti che qualche facebooker alla ricerca di visibilità abbia utilizzato frasi scortesi e immagini di comodo per convincere gli altri membri del gruppo che la Reggia sia agonizzante e che il suo Direttore sia un incapace. Libero di farlo, è ovvio, anche se le finalità sono ben palesi. E significativa è stata la levata di scudi dei casertani, finalmente postisi al fianco del loro monumento-simbolo, criticando violentemente chi ama denigrarlo e chi facendo ciò gioca contro l’economia della città. E ancor più significativa è stata la solidarietà nei riguardi di Mauro Felicori, che, stanco di essere tirato in ballo in modo così capzioso, ha deciso di abbandonare il gruppo. Anche altri hanno deciso di volerlo seguire in questa decisione. Tutto per la responsabilità di troller che non andrebbero mai alimentati.

Giusto invitare Felicori a rimanere nel gruppo, giusto non abbandonarlo. I membri che tengono a cuore Caserta e la sua economia sanno ben distinguere gli interventi, anche critici, costruttivi da quelli mossi dal solo desiderio di conquistarsi uno speaker corner. Lunga vita alla Reggia, e lunga vita al gruppo. Magari con un nuovo nome: “La Reggia si è salvata, ora tocca a tutti migliorarla”.

@beatricecrisci

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8823 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Da Venaria a Caserta, ecco le tirocinanti per i giardini storici

Enzo Battarra Ad aprile la Reggia di Caserta è stata al centro di un summit di residenze reali europee. In quell’occasione, con grande abilità diplomatica, il direttore Mauro Felicori ha

Cultura

Al Campania luglio si veste di jazz. Partenza con il botto con le “Black Cars” di Gino Vannelli

(Enzo Battarra) – Lui è un mito, un uomo inossidabile nel tempo, la stessa grinta di sempre. Lui è Gino Vannelli, nome e cognome italiani, ma canadese a tutti gli

Spettacolo

Siamo il Piccolo, ma cresceremo. Anzi, siamo già cresciuti!

(Beatrice Crisci) – Sarà pure la diciassettesima ma nasce proprio sotto una buona stella. La stagione 2016/17 del Piccolo Teatro CTS di Caserta è ricca di appuntamenti, alcuni anche di