Story frame, Attilio e Massimiliano del Giudice a Terre Blu

Story frame, Attilio e Massimiliano del Giudice a Terre Blu

-Sarà presentato sabato 5 novembre alle 19,30 presso il centro Terre Blu, in via San Nicola 27 a Caserta, il libro di Attilio e Massimiliano del Giudice “Story frame”, edito da Terre Blu nella collana “amoR letoH”: una raccolta di 50 micro racconti costruiti intorno ad altrettante immagini fotografiche. A presentarlo saranno Marilena Lucente e Ciro Faraldo .

I racconti, come le fotografie, sono frame, istantanee, immagini catturate da un occhio che osserva e a tratti registra, guidato dall’istinto o dalla volontà o dal caso; frammenti di vita che spesso sembrano non avere un inizio né una fine e sicuramente non un senso, ma che, tuttavia, ci riguardano e coinvolgono. Il progetto a quattro mani, del fotografo e dello scrittore (ma prima ancora filmmaker e artista visivo) nasce infatti su instagram e rispetta le regole di una comunicazione che ha dimora nell’era dei social e che può diventare, quando chi scrive e chi fotografa hanno la padronanze dei mezzi espressivi, un esempio di buona letteratura.

Gli autori: Attilio del Giudice, Caserta 1935, è psicologo. Negli anni ’70 e ’80 milita attivamente nei gruppi d’avanguardia campani come pittore e filmmaker. Suoi filmati sono raccolti nell’archivio storico delle Arti Visive della Biennale di Venezia e sono stati oggetto di studi al DAMS di Bologna e presso la cattedra di cinematografia dell’Università di Trieste. L’esordio letterario avviene nel 1988 e da allora pubblica romanzi e racconti con Seri Brokers, Ripostes, Minimum Fax, Leconte, Gaffi, Caffèorchidea.

Massimiliano del Giudice, Caserta 1964, è geologo. Si occupa di fotografia antropologica con competenza e passione, utilizzando prevalentemente il bianco e nero. Questo volume rappresenta il suo esordio editoriale. L’evento rientra nella rassegna “DERIVE. Festival sulla narrazione del contemporaneo e la trasversalità dei linguaggi”, cofinanziato dalla Regione Campania e patrocinato dal Ministero della Cultura, dalla Provincia e dal Comune di Caserta.

Giunto alla sua sesta edizione, il festival scaturisce dalla ricerca che Terre Blu conduce da anni sulle produzioni artistiche e culturali, le discipline e le conoscenze che caratterizzano il mondo contemporaneo. Punto focale e mission della manifestazione sono la trasversalità e l’interazione tra i saperi. La stessa dizione “Derive” intende valorizzare ciò che resta apparentemente marginale alle tradizionali rappresentazioni, luogo di confine dai margini spesso indefiniti.

About author

You might also like

Primo piano

Libreria fa rima con Malìa, inaugurazione non stop su Facebook

Maria Beatrice Crisci – «È un piacere per me essere qui oggi. Quando in una città si apre una libreria è una bellissima giornata. Abbiamo assistito per tanto tempo a

Primo piano

Ella & John, Francesco Piccolo ritorna on the road a Caserta

Claudio Sacco – Ed è di nuovo ritorno per Francesco Piccolo. La sua Caserta lo ha accolto nel periodo natalizio nel teatro comunale Parravano per il suo monologo letterario. E

Primo piano

Il greco, un amore così grande. In un libro le nove ragioni

(Beatrice Crisci) – «Il volume costituisce un’occasione di riflessione su se stessi, sui livelli della  formazione in Europa, su dove sta andando il mondo globalizzato dove circolano merci, monete, persone,