Story frame, Attilio e Massimiliano del Giudice a Terre Blu

Story frame, Attilio e Massimiliano del Giudice a Terre Blu

-Sarà presentato sabato 5 novembre alle 19,30 presso il centro Terre Blu, in via San Nicola 27 a Caserta, il libro di Attilio e Massimiliano del Giudice “Story frame”, edito da Terre Blu nella collana “amoR letoH”: una raccolta di 50 micro racconti costruiti intorno ad altrettante immagini fotografiche. A presentarlo saranno Marilena Lucente e Ciro Faraldo .

I racconti, come le fotografie, sono frame, istantanee, immagini catturate da un occhio che osserva e a tratti registra, guidato dall’istinto o dalla volontà o dal caso; frammenti di vita che spesso sembrano non avere un inizio né una fine e sicuramente non un senso, ma che, tuttavia, ci riguardano e coinvolgono. Il progetto a quattro mani, del fotografo e dello scrittore (ma prima ancora filmmaker e artista visivo) nasce infatti su instagram e rispetta le regole di una comunicazione che ha dimora nell’era dei social e che può diventare, quando chi scrive e chi fotografa hanno la padronanze dei mezzi espressivi, un esempio di buona letteratura.

Gli autori: Attilio del Giudice, Caserta 1935, è psicologo. Negli anni ’70 e ’80 milita attivamente nei gruppi d’avanguardia campani come pittore e filmmaker. Suoi filmati sono raccolti nell’archivio storico delle Arti Visive della Biennale di Venezia e sono stati oggetto di studi al DAMS di Bologna e presso la cattedra di cinematografia dell’Università di Trieste. L’esordio letterario avviene nel 1988 e da allora pubblica romanzi e racconti con Seri Brokers, Ripostes, Minimum Fax, Leconte, Gaffi, Caffèorchidea.

Massimiliano del Giudice, Caserta 1964, è geologo. Si occupa di fotografia antropologica con competenza e passione, utilizzando prevalentemente il bianco e nero. Questo volume rappresenta il suo esordio editoriale. L’evento rientra nella rassegna “DERIVE. Festival sulla narrazione del contemporaneo e la trasversalità dei linguaggi”, cofinanziato dalla Regione Campania e patrocinato dal Ministero della Cultura, dalla Provincia e dal Comune di Caserta.

Giunto alla sua sesta edizione, il festival scaturisce dalla ricerca che Terre Blu conduce da anni sulle produzioni artistiche e culturali, le discipline e le conoscenze che caratterizzano il mondo contemporaneo. Punto focale e mission della manifestazione sono la trasversalità e l’interazione tra i saperi. La stessa dizione “Derive” intende valorizzare ciò che resta apparentemente marginale alle tradizionali rappresentazioni, luogo di confine dai margini spesso indefiniti.

About author

You might also like

Primo piano

Tricarico & Fazio a Radio Zar Zak, la musica va in SottoScala

Maria Beatrice Crisci – Nuova stagione per SottoScala, la rassegna musicale e teatrale di Radio Zar Zak, il negozio di strumenti musicali al civico 13 di via Enrico Fermi a

Primo piano

Gaslighting, quando la violenza si fa subdola e poco apparente

Antonio Leo* – Un rapporto privo di atti di violenza visibili non è necessariamente un rapporto sano. Questa considerazione può indurci all’analisi di molteplici forme di violenza inapparente, fra cui

Primo piano

Primavera a Caserta, vetrine in fiore alla casa di moda Antea

(Enzo Battarra) – È primavera inoltrata ormai, anche se il tempo fa ancora qualche capriccio. Nel cuore di Caserta la casa di moda Antea ha inondato di fiori le sue vetrine