Tempo di festival a Ravello, presentata la 65esima edizione

Tempo di festival a Ravello, presentata la 65esima edizione

Maria Beatrice Crisci

Ravello 1– È il Ravello Festival, la rassegna situata nel punto più suggestivo d’Italia, su quella Costiera Amalfitana che è un incanto già di per sé. Il compito della manifestazione è incantare ancor più turisti e visitatori, spettatori occasionali e appassionati di eventi. Quest’anno è la 65esima edizione e sarà ancora una volta strabiliante. Si parte il primo luglio nel segno di Wagner, con un concerto diretto da Adam Fisher, in collaborazione con uno dei più prestigiosi festival dedicati al maestro di Lipsia come quello di Budapest. A salire sul Belvedere di Villa Rufolo l’Hungarian Radio Symphony Orchestra.

Ravello 3 A Napoli in Palazzo Armieri, alla via Nuova Marina, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione con gli interventi del governatore Vincenzo De Luca e del presidente della Fomdazione Ravello Sebastiano Maffettone.

Ma a Ravello non ci saranno solo la tradizione nel nome di Wagner e la musica con i più grandi direttori d’orchestra, a anche innovazione e incursioni nell’avanguardia, sperimentazione di nuovi linguaggi, jazz per ridurre le distanze, danza per lasciar parlare il corpo, quando ogni altra relazione è compromessa.

Tre i direttori artistici, uno per la musica nella persona del direttore Alessio Vlad, uno per il jazz ovvero Maria Pia De Vito e uno per danza, tendenze e nuovi linguaggi, progetti speciali, formazione, incarico assunto da Laura Valente.

Ravello 4Cartellone di qualità, dunque, che mette insieme passato e futuro, che dà spazio, come sempre, alla grande musica “nel rapporto tra silenzio e spazio”, ma che coglie anche le nuove sensibilità culturali del tempo contemporaneo che invocano pace, ponti e dialogo, senso di comunità e abbattimenti di vecchi e nuovi muri, come racconta il programma artistico curato da Laura Valente.

Il cartellone di danza di quest’anno sceglie, infatti, di attraversare i muri, contro le barriere della diversità, del razzismo, delle differenze. Muri come quelli che simbolicamente saranno abbattuti il 2 luglio a Villa Rufolo sulla musica leggendaria dei Pink Floyd dalle stelle dell’American Ballet con una coreografia di Karole Armitage impreziosita dalla partecipazione straordinaria in live painting dell’artista Francesco Clemente e la voce recitante di sua moglie, Alba, che condivide per la prima volta una produzione con il marito. Anche questa una creazione prodotta per il Ravello Festival.

Al tema del transito, della fuga, dell’accoglienza è anche dedicata l’esposizione dello stesso Clemente che porta a Ravello le sue tende declinate come simbolo e “luogo artistico” di rifugio e migrazione. Oltre alla mostra di Francesco Clemente è previsto un soggiorno d’artista con mostra di un altro grande della transavanguardia italiana, Sandro Chia.

Infine un’incursione pop nel programma. Il 4 agosto appuntamento speciale con un concerto unplugged di Antonello Venditti.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9736 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

Prosit 1990, a Pasqua in tavola trionfa il territorio casertano

(Enzo Battarra) – I fasti della Pasqua sono ormai trascorsi. Passata è la festa, con la sua spiritualità, con la sua fede, ma anche con la sua tavola. OndaWebTv aveva

Primo piano

Teatro Nuovo di Napoli, quel lungo sguardo sul contemporaneo

Enzo Battarra –  È tempo di estate e si annunciano i cartelloni delle stagioni teatrali del prossimo autunno/inverno. Sempre solerte sui tempi il Teatro Nuovo di Napoli che ha diffuso alla stampa

Attualità

Alternanza Day. La scuola incontra il mondo degli imprenditori

Claudio Sacco – Alternanza Day. E’ questo l’appuntamento in programma alla Camera di Commercio di Caserta per domani mattina alle ore 10 presso il salone consiliare della sede di via