Tutti i nomi#2, Maria Gagliardi alla Galleria Centometriquadri

Tutti i nomi#2, Maria Gagliardi alla Galleria Centometriquadri

Magi Petrillo

opera di maria gagliardi 2 copia – La Galleria Centometriquadri Arte Contemporanea di Santa Maria Capua Vetere (via Santagata, 14) presenta sabato 7 dicembre alle ore 18 la  personale di Maria Gagliardi dal titolo “Ciò che il tempo fa cambiare, e non il nome, che non varia mai”. L’esposizione è a cura di Antonello Tolve. La mostra rientra nel progetto Tutti i nomi #2 e si svolge sotto il patronato della Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee di Napoli. Sarà aperta al pubblico fino al prossimo 26 gennaio 2020.

Seconda tappa di un programma legato a Jose Saramago, Ciò che il tempo fa cambiare, e non il nome, che non varia mai pone al centro dell’attenzione una figura eccezionale dell’arte il cui tessuto creativo muove dal recupero di un passato nostalgico e fluttuante per farsi catalogo d’un mondo sovra storico, in cui si generano piacevoli interferenze, ponti metafisici che uniscono le cose, che le sottolineano, che le collegano tra loro e le inseriscono in un discorso denso di rimandi al mondo della tecnica e della moda, del disegno industriale e dell’artigianato, della scuola e delle humanaopera di Maria Gagliardie litterae, della femminilità.

Facendo propria la tecnica dell’estraniamento, il lavoro di Maria Gagliardi si divide a volte in sensazioni sovrapposte, altre si concentra in un unico punto per lasciare spazio a un nome dimenticato, a un volto sbiadito, a pagine isolate dal loro contesto originario – un quaderno di scuola, un libro, un atto notarile, un documento anagrafico, monetine e specchietti, chiavi di antichi cassetti o tiralinee per inchiostro grasso – per concepire una personale filografia dall’unità discorsiva fantastica, data in primis dall’utilizzo del collage: «la mia ricerca mi spinge a rapportarmi sempre diversamente con la tecnica del collage, elaborando e sperimentando nuove soluzioni».

L’artista costruisce per l’occasione dispositivi – la stessa mostra è intesa in sé come un dispositivo – in cui si concentrano oggetti muti, immagini di un passato rannicchiato e che risorge, a fiotti d luce, per irrompere nella coscienza dell’uomo con la speranza di far veder riflesse, tra parole oggetti o volti che non esistono più, qualcosa che ha a che fare con la memoria collettiva.

Con una serie di lavori recenti – tra questi le Macchine fuori tempo (2019), le teche che compongono Il nome dell’anima (2019) e le eleganti installazioni Nonsuono (2019) dove l’artista estroflette la superficie e recupera lo spazio espositivo mediante l’utilizzo di rotoli traforati per organetto Maria Gagliardi modella, per questa sua prima mostra in galleria, un teatro delle meraviglie in cui lo spettatore è invitato a perdersi, ad assaporare lacerti della memoria, a leggere l’ampio e luminoso spettro di un tempo che torna sulla soglia del presente come archeologia del moderno.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5754 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Fenomeno migratorio e nuove sfide. La Bonino a Caserta

(Maria Beatrice Crisci) – Ci sarà Emma Bonino domani a Caserta. L’occasione è l’incontro “Come vincere la sfida dell’immigrazione? Accoglienza, inclusione, lavoro: le riforme necessarie a partire dai Comuni e

Primo piano

Giano Vetusto. La Bellezza è il tema del concorso di poesia

Maria Beatrice Crisci – Il suggestivo borgo di Giano Vetusto si prepara all’appuntamento tradizionale più atteso, vero fiore all’occhiello dell’associazione “Panta Rei”. Ovvero il concorso biennale di poesia e narrativa

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply