Un rocket man all’anfiteatro di Pompei. Elton John per una notte ruba la scena alla storia

Un rocket man all’anfiteatro di Pompei. Elton John per una notte ruba la scena alla storia

(Enzo Battarra) – Lui è Elton John. E lo è a prescindere dai contesti in cui si trovi, a prescindere dall’età, dalla moda dei tempi. È un monumento vivente alla storia della musica. E lui lo sa. E sa che può divertirsi a indossare una giacca dal colore e dalla forma improbabili, sa che può sedersi sul pianoforte, sa che può permettersi di reinterpretare se stesso, sa che farà stupire il pubblico e che alla fine tutti diranno “Ma quanto è ancora bravo, quanta energia ha dentro di sé”. Questo significa essere Elton John o anche fare Elton John, quando il carisma è maggiore della notorietà del personaggio stesso.

Schermata 2016-07-13 alle 17.55.10

Ieri all’anfiteatro di Pompei, luogo incantevole e prestigioso, ha dato spettacolo di sé. Ha tenuto il pubblico in pugno per due ore, ha concesso come bis “Crocodile rock”, anno di grazia 1973, una pietra miliare della musica pop, la hit più hit del suo repertorio. E poi si è dileguato. Invano lo si è cercato tra la folla. È stata un’apparizione straordinaria vederlo materializzarsi tra gli scavi archeologici più famosi al mondo, ancor più straordinaria la sua capacità di dematerializzarsi, di scomparire.

Restano le due ore di grande musica, migliaia e migliaia di click fotografici, di riprese video, di registrazioni approssimative, mentre Radio2 trasmetteva la diretta del concerto. Il desiderio degli spettatori era di riportare a casa l’immagine di Elton John, la sua musica, la sua voce. E poter dire: “Io il 12 luglio c’ero. Anch’io ero all’anfiteatro di Pompei a guardare estasiato Elton John”. E qualcuno ammetterà anche di aver pianto ascoltando “Rocket Man”.

@EnzoBattarra

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7469 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Caserta, sul Monumento brilla il logo dell’Erasmus

Claudio Sacco “M’illumino di Erasmus+“. Il Monumento ai Caduti di Caserta illuminato con il logo del trentennale del programma Erasmus è stato il momento conclusivo della lunga giornata dedicata alla

Primo piano 0 Comments

Nostos. L’Odissea entra nella casa circondariale di Arienzo

Claudio Sacco – Si ispira al tema dell’Odissea il progetto “Nostos” messo in atto dall’Associazione Athena presso la Casa Circondariale di Arienzo. «Nell’opera omerica Nostos significa “ritorno a casa”, e

Cultura 0 Comments

Il Cardinale Sepe al Quercia di Marcianise per la Shoah

(Luigi d’Ambra) – Sarà una mattinata ricca di eventi quella di domani per gli studenti del liceo Quercia di Marcianise in ricordo della Shoah. I ragazzi hanno allestito una rappresentazione

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply