Una parola al mese: Hipster

Una parola al mese: Hipster

(Valentina Scaletti) – Ne sentiamo sempre più parlare, non solo nel gergo giovanile con espressioni del tipo “quanto sei hipster!”, ma anche nell’ambito della moda, della musica e persino dell’arredamento. Ma cosa vuol dire? Contrariamente a quanto si possa pensare, non è un neologismo recente, ma nasce in America negli anni Trenta e Quaranta, e fonda le sue radici nel gergo del jazz. Tale termine designava, in genere, quei ragazzi bianchi di classe media che emulavano lo stile di vita dei jezzisti afroamericani, proponendo un modello anticonformista che poi si evolverà nello stile più confortevole e comunitario degli hippies.

L’ etimologia è controversa, potrebbe risalire da hop, diminutivo dell’oppio, o dal verbo africano hipi, che significa aprire gli occhi a qualcuno. Tuttavia, sembra più calzante la teoria per cui il termine sia formato da hip ‘aggiornato, all’ultima moda, moderno’ con il suffisso –ster che in inglese indica l’agente, chi fa qualcosa. Quindi il significato nell’insieme diventa ‘chi si tiene aggiornato, all’ultima moda, chi segue la moda, tipo di ‘giovane anticonformista, caratterizzato da un particolare look fatto di capi d’abbigliamento della moda della seconda metà del Novecento con alcuni tratti di novità. E’ questa l’accezione con cui, recentemente è stato ripreso il termine.

Come afferma La Crusca, nei dizionari italiani di neologismi, la parola è già attestata dal 1987 e nel 1988 è stata inserita nella trattazione del termine Beat in un articolo su “Lingua Nostra” (n. 49) come uno dei nomi dati a un membro della beat generation (esponente di spicco del movimento è Jack Kerouac con il suo romanzo Sulla strada del 1957, assunto a manifesto della beat generation che ha contribuito ad associare al termine beat i significati sia di ‘beato’ sia di ‘abbattuto’ e ‘vinto’, già in circolazione nel parlato colloquiale giovanile). Segnalato tra i neologismi nel 1987 da Claudio Quarantotto (nel Dizionario del nuovo italiano, Milano, Mondadori) con la seguente definizione: “È il ribelle, l’anticonformista, il capellone (o aspirante capellone), il beat, il bruciato, l’apocalittico degli anni ’50. È chi rifiuta l’integrazione nella società in cui vive”. Nel 1994 hipster è registrato in Parole senza frontiere. Dizionario delle parole straniere in uso nella lingua italiana (di Guido Mini, Bologna, Zanichelli) con la definizione di ‘oppositore violento del conformismo e del consumismo’. Attualmente, è presente soltanto nell’ultima edizione (2012) del Vocabolario Zingarelli che, oltre al significato originario, aggiunge la nuova accezione di ‘chi, in base a una cultura individualistica e insofferente delle regole, si rifà alla moda vintage della seconda metà del Novecento, in particolare ai suoi aspetti più trasandati e anticonformisti’

Oggi hipster è da considerarsi una vera e propria subcultura di cui fanno parte quei giovani disinteressasti alla politica, con velleità anticonformiste, caratterizzati da atteggiamenti stravaganti e un abbigliamento eccentrico. Il movimento spazia dalla letteratura al cibo, passando dalla musica al cinema. L’ hipster è un giovane seguace delle tendenze culturali emergenti (indie rock, elettronica, film d’autore, cibo bio, iphone…) che fa scelte attentamente costruite per dare l’idea che non lo siano e risultare, quindi, in controtendenza.

Tutti noi abbiamo incontrato almeno una volta, il tipico hipster: barba folta, baffi arrotolati, jeans skinny con il risvolto, cappello vintage, occhialoni da vista, giacca o cardigan striminziti; se pensiamo un attimo a quanti ne incontriamo ogni giorno, possiamo sicuramente affermare che assistiamo ad un hipsterismo dilagante!

*Valentina Scaletti – Dottorato di Ricerca in “Economia Quantitativa ed Eurolinguaggi per la sostenibilità del benessere”- Università degli Studi di Napoli “Partneope”

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8830 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Economia

Tribunale Santa Maria CV, una due giorni sulla crisi d’impresa

Maria Beatrice Crisci -Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e la Camera di Commercio di Caserta hanno promosso è organizzato la due giorni di convegno «La regolazione della Crisi

Primo piano

E-commerce: la rivoluzione del retail dopo il corona virus

Fabio Balato -L’Italia è da sempre considerata uno dei paesi europei dove l’e-commerce viene utilizzato meno dagli utenti, basti guardare le media degli acquisti online per rendersene conto: nel vecchio

Economia

Anglicismi: bail-in. Cosa significa e come funziona

(Antonio Taglialatela) – Un temibile spettro si aggira da qualche tempo tra le righe della documentazione e delle normative bancarie italiane: è il “bail-in”. Entrato in vigore a partire dal 1 gennaio 2016 con l’emanazione della direttiva europea