Webete e webetismo: l’ignoranza ai tempi di Internet

Webete e webetismo: l’ignoranza ai tempi di Internet

Nicla Mercurio*

La lingua è un sistema vivo, che si trasforma nel tempo e si arricchisce in risposta alle necessità dei suoi parlanti. Sempre più numerosi sono i neologismi coniati per denominare concetti nuovi e stare al passo coi tempi, operazione che coinvolge organizzazioni istituzionali ed équipe di professionisti, ma non solo. Anche i singoli individui, consapevolmente o meno, possono creare parole nuove e diffonderle. Impresa non troppo complessa se il singolo individuo in questione è una celebrità nell’era di Internet e dei social network.

webete“Lei è un webete”, così Enrico Mentana, direttore del Tg La7, rispondeva su Facebook ad un utente – un “altro così decerebrato”, un “avvelenatore del web” – che polemizzava contro i rifugiati “ospiti” di hotel di lusso. Il termine, diventato virale in pochi minuti grazie alla notorietà del giornalista e proclamato “parola dell’anno 2016” da Repubblica.it, è stato inserito nella nuova edizione del dizionario Devoto-Oli, presentata lo scorso settembre e contenente ben 1500 neologismi.

Ma cosa significa webete? Webete è una parola macedonia, cioè un vocabolo nuovo formato dalla fusione di due parole diverse – in questo caso web (= la rete) + ebete (= chi è ottuso di mente) –, e si riferisce all’utente che scrive cose stupide online, in toni talvolta aggressivi, che non limita i suoi commenti e le sue osservazioni malgrado non abbia piena conoscenza dei fatti. È chi usa Internet in modo poco costruttivo, chi non riconosce le fake news, il “povero minus habens del web” del professore Massimo Manca, che, poche ore dopo il post di Mentana, ha svelato le vere origini di una parola in realtà non così nuova.

Webete, infatti, risale agli anni ’90 e viene così definito nel Dizionario del gergo di Usenet di Maurizio Codogno: “utente che considera Internet composta solamente dalla WWW. Neologismo coniato da Ginzo”. Quindi venti anni fa il webete era il fruitore medio della rete, colui che navigava ignorando tutti gli aspetti più tecnici, il non addetto ai lavori: quasi tutti noi siamo stati webeti. E se Mentana non è l’inventore assoluto di questa parola, a lui va il merito di averla rimessa in gioco ampliandone il significato e avvicinandola ad un famoso discorso di Umberto Eco sulle “legioni di imbecilli” a cui i social network hanno dato diritto di parola. Con l’aggiunta del suffisso -ismo, da webete deriva webetismo, sindrome per la quale, si spera, si trovi presto una cura.

*Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Tombola! Quando i numeri hanno la stessa sostanza dei sogni

Luigi Fusco – Durante il tempo di Natale, in alcuni contesti della città partenopea e di altri paesi della Campania, insiste la consuetudine di associare i novanta numeri della Cabala

Primo piano

“Design a Natale”, è festa e formazione da Esagono a Caserta

 Maria Beatrice Crisci – “Design a Natale”. Questo l’invito del concept store Esagono per venerdì 7 dicembre alle ore 18,30 nella sede di piazza Sant’Anna a Caserta. Il raffinato showroom

Primo piano

Campus Manzoni, al via gli eventi dedicati al liceo Cambridge

Martedì 12 gennaio, alle ore 16.00 sulla pagina Facebook Campus Manzoni, prosegue il ciclo di eventi, dedicati al Liceo Cambridge International,  fortemente voluti dal Dirigente scolastico prof.ssa Adele Vairo che