Università Vanvitelli, si apre un Varco all’arte contemporanea

Università Vanvitelli, si apre un Varco all’arte contemporanea

Maria Beatrice Crisci

IMG_9638- “L’Università deve contaminarsi con il territorio e queste mostre sono un’occasione per far conoscere il territorio”.  Così il rettore dell’Università Luigi Vanvitelli Giuseppe Paolisso al microfono di Ondawebtv a margine dell’inaugurazione del progetto «Varco», acronimo del progetto «Vanvitelli per l’Arte Contemporanea». Nell’Aulario di via Perla a Santa Maria Capua Vetere  la collezione di opere donate all’Università da 31 artisti, in gran parte attivi proprio nel territorio campano. L’iniziativa è a cura dei docenti Gaia Salvatori e Luca Palermo, entrambi storici dell’arte. Ma alla realizzazione del progetto hanno dato un sostanziale apporto Rosanna Cioffi, prorettore alla cultura, e Maria Luisa Chirico, direttore del Dipartimento di lettere e beni culturali, che nella sua sede ospita l’esposizione.

gabriele marino

Gabriele Marino

Sul Mattino si legge: “Il progetto apre in realtà un «varco» all’arte contemporanea, una breccia su cui affacciarsi per scoprire la produzione artistica attuale all’interno della Vanvitelli, privilegiando i talenti del territorio e rafforzando così la cosiddetta terza missione universitaria, quella di proporre l’Ateneo come interlocutore reale per la crescita e lo sviluppo dell’intera regione. In realtà «Varco» è anche il nome della strada di Rotondi, centro della Valle Caudina, dove si è creata progressivamente una densità di atelier di celebrati artisti del circondario ma anche napoletani, alcuni di fama internazionale”. Nel corso dell’incontro sono state consegnate targhe agli artisti che hanno partecipato al progetto.

You might also like

Editoriale

Il fico di San Pietro, un dolce fiore da gustare come un frutto

Marcellino Monda – Lo sapevate che noi mangiamo non già i frutti dell’albero di fico, ma i fiori? Le piante di fico si distinguono in esemplari femmine ed esemplari maschi;

Primo piano

Osservatorio per le povertà Mario Diana. Aperta la sede a Casagiove

“Il vostro impegno ha un significato importante che rispecchia in pieno la missione di Gesù: guardare nell’altro il volto stesso del Padre. Non è un compito facile ma un’opera che

Primo piano

Archivio di Stato Caserta. Cesaro: “Scongiurato il degrado lanciamo una nuova sfida”

“Finalmente, dopo decenni di incuria, sono state avviate le procedure di legge per la realizzazione delle opere necessarie al trasferimento dall’attuale sede dell’Archivio di Stato di Caserta, agli spazi, più

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply