25 novembre. Flash mob, incontri e mostre, no alla violenza sulle donne

25 novembre. Flash mob, incontri e mostre, no alla violenza sulle donne

Roberta Greco -A pochi giorni dalla giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in Italia si è consumata l’ultima tragedia, la morte di Giulia Cecchettin, di 22 anni, per mano del suo ex fidanzato. La storia è, quasi, sempre la stessa, un uomo che non accetta la fine di una storia e decide di togliere la vita e la libertà alla donna che lo ha lasciato. Quella che ormai da anni è un’evidente emergenza va contrastata con azioni concrete che devono essere immediatamente attuate, e mentre ci si auspica che già all’interno delle famiglie si possa iniziare una lotta al patriarcato e alla violenza di genere, Caserta e la provincia si preparano al 25 novembre con una serie di eventi.

Ieri l’Università «Vanvitelli», con la questura di Caserta, ha organizzato l’incontro «Il silenzio degli innocenti», che si è tenuto a Palazzo Melzi a S. Maria C.V., dedicato in particolar modo agli orfani e ai genitori che perdono, rispettivamente, madri e figlie a causa del femminicidio. Giovedì 23, alle 16:30, al Teatro Comunale di Caserta ci sarà «Resta Viva», l’incontro con la criminologa Roberta Bruzzone ed interverranno Vincenzo Iorio, presidente del Rotary Club Caserta Terra di Lavoro, e Rossella Luglio della cooperativa Eva, moderatrice Nadia Verdile. Venerdì i ragazzi della Dante Alighieri usciranno da scuola, alle 14:00, tutti vestiti di rosso con un flash mob di contrasto alla violenza.

Diversi saranno gli appuntamenti per sabato 25 novembre, con un unico scopo, contrastare la violenza di genere e abbattere questo spaventoso fenomeno, che è addirittura in aumento rispetto al 2022. Dallo Stadio Pinto, partirà alle 10:00 il flash mob organizzato da Noi voci di donne, di Pina Farina, con tre tappe: Piazza Vanvitelli, Piazza Dante e per concludere la Reggia. L’iniziativa vede la partecipazione degli studenti e delle studentesse dell’Istituto Giordani di Caserta che sono parte attiva della manifestazione per la quale una studentessa ha realizzato il logo “No Means no. Stop Thinking it’s a Yes”.

Sempre in mattinata al Liceo Manzoni, alle 9:30, si terrà un altro flash mob, in quest’occasione di poesia, per l’eliminazione della violenza contro le donne, a cura della prof.ssa Mariapiera De Lerma, referente delle politiche di genere dell’istituto.

L’associazione Spazio Donna terrà un presidio avanti alla Prefettura e alla Questura di Caserta, a partire dalle 11:00, promuovendo «Donne in silenzio». Tiziana Carnevale, la responsabile, ha dichiarato che la voce di Spazio Donna risuona 365 giorni all’anno e per la giornata contro la violenza sulle donne osserverà un silenzio assordante.

Alle 18, invece con il patrocinio del Comune, nella piazza della Prefettura, si riuniranno Cigl, Cisl e Uil in una fiaccolata silenziosa in segno di solidarietà con tutte le donne vittime dell’uomo e della guerra.

Tantissime le iniziative anche in provincia, con Grazzanise, dove sabato il Comune – su proposta di Fidapa e della vicepresidente Itala Sterpetti – sarà illuminato di rosso per simboleggiare le azioni di contrasto alla violenza sulle donne.

A Marcianise, su iniziativa dell’assessore alle pari opportunità, Carmen Posillipo, saranno affissi in Comune, da oggi fino a sabato, dei cartelli di sensibilizzazione per invitare le donne a non sottovalutare i primi segnali di violenza. Sempre a Marcianise, nella serata di venerdì, il Comune sarà illuminato di rosso durante il flash mob «Io sono morta», al quale parteciperanno le donne vittime di violenza.

Il sindaco Giuseppe Mariniello, del Comune di Lusciano, ha organizzato l’evento «Voci, cuori, anime – L’identità delle donne che vince la violenza», che inizierà il 24 novembre, con una mostra di ceramica, per poi proseguire fino a domenica 26 con incontri sul tema della violenza.

Infine, lunedì 27, al Dipartimento di Lettere e Beni Culturali della Vanvitelli, si terrà una lezione, in memoria di Giulia Cecchettin, intitolata «Cassandra e le altre. Esempi mitologici della violenza di genere nella letteratura greca da Omero alla tragedia».

About author

Roberta Greco
Roberta Greco 89 posts

Roberta Greco - Avvocato, ha studiato Giurisprudenza presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, conseguendo la laurea con 110 e lode. Ha studiato presso il liceo scientifico A. Diaz di Caserta. Ha conseguito la certificazione di inglese (C1) ESB e di spagnolo (B2) presso l'Università di Almeria. Attualmente svolge la professione di avvocato ed è consigliere comunale presso il Comune di Caserta. Ha un grande interesse per la politica, il mondo della moda e le altre culture.

You might also like

Cultura

Magico è Babbo Natale, se una notte d’inverno un viaggiatore

Augusto Ferraiuolo – Oggi, di prima mattina, ho finalmente finito le decorazioni natalizie di casa. Ho aggiunto alcuni pastori al presepe, ho sistemato le illuminazioni sull’albero, ho appeso con un

Primo piano

Trianon Viviani, storie teatrali di “Sirene signore e signorine”

-Sirene, signore e signorine è il titolo della performance del progetto speciale la Scena delle Donne – Percorsi teatrali con le donne a Forcella, ideato e curato da Marina Rippa per f.pl. femminile plurale, in

Primo piano

Gli NTF di Bruno Donzelli al top, spacca il primo curated drop

Luigi Fusco Qualche giorno fa il primo curated drop, ovvero la vendita di opere digitali, dell’artista Bruno Donzelli. Un successo! L’artista napoletano di levatura internazionale, che da decenni ha scelto