4 dicembre. Santa Barbara, il suo culto  in territorio casertano

4 dicembre. Santa Barbara, il suo culto in territorio casertano

Luigi Fusco

Comme Barbarea accussì Natalea, è l’antico detto popolare riferito alle condizioni metereologiche del dies natalis di Santa Barbara, il 4 dicembre, che, nell’eventualità, potranno ripetersi il giorno di Natale. La fortuna di questa massima, di origini napoletane, è chiaramente associata alle numerose vicende agiografiche intessute intorno alla figura di Santa Barbara e alla diffusione del suo culto, così come dei suoi patronati, in buona parte del territorio campano.

Secondo una delle tradizioni biografiche più autorevoli, Barbara era una giovane pagana vissuta, presumibilmente, nel III secolo d.C., al tempo, forse, dell’imperatore Massimiano.

Per quanto ancora non ben identificato sia il luogo della sua nascita, sembra che sia vissuta in Oriente nella regione di Antiochia. In merito alla leggenda del suo martirio, esistono diverse versioni tramandate nei secoli. Fra le varie narrazioni, vi è l’episodio, maggiormente accreditato dalla chiesa, in cui è riportato che: Barbara, giovane di famiglia aristocratica, il cui padre era un funzionario dell’impero, resasi colpevole per essersi convertita al cristianesimo, venne prima chiusa in una torre per esser poi decapitata dal proprio genitore. Quest’ultimo, facendo ritorno verso casa venne colpito da un fulmine mandato da Dio.

Oltre ai fenomeni metereologici, alla martire Barbara sono spesso accostati uno o più attributi iconografici: la torre a tre finestre, la palma del supplizio, la spada, la corona, il calice e l’ostia, il cannone o la catapulta. Sotto la sua protezione vi sono, invece, gli artificieri, i genieri, i matematici e soprattutto i vigili del fuoco. La santa è, poi, invocata contro i fulmini, le esplosioni, la morte improvvisa e i colpi di artiglieria.

In merito alla diffusione del suo culto, specialmente in area casertana, molto sentita è la devozione nutrita nei suoi confronti dagli abitanti della piccola frazione omonima stante nel capoluogo di provincia. Difatti, il toponimo di questa località ha origine dall’intitolazione della chiesa parrocchiale, la cui prima documentazione risale al 1113. Stando alle testimonianze più antiche, è accertato che il primo nucleo insediativo di questo villaggio ebbe modo di formarsi attorno alla chiesa di Santa Barbara al Monte, oggi non più esistente. Al XVII secolo, si deve la costruzione dell’edificio sacro tuttora visibile, il cui accesso è consentito attraverso una scenografica scalinata in basalto grigio e pietra bianca. Sia il suo impianto architettonico sia le sue decorazioni interne, hanno subito diverse modifiche nel corso del tempo e, per la maggiore, sono sopravvissute tutte le superfetazioni apportate tra il Settecento e l’Ottocento. Notevoli sono, infine, le statue devozionali di Santa Barbara e di San Nicola, a cui è co-intitolata la chiesa stessa, che vengono portate in processione dai fedeli la prima domenica di dicembre.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6799 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Teano jazz, tre mesi di grande musica. Tra natura e paesaggio

Claudio Sacco – Teano jazz, uno dei festival più importa­nti della Campania, ritorna dopo un anno di stop. La kermesse riprende il suo percorso con una proposta nuova e intri­gante.

Primo piano

Zucca servita con delitto, la notte di Halloween da Amico Bio

Maria Beatrice Crisci  – In tanti non hanno voluto mancare alla serata tra divertimento e cibo sano all’ombra dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere per la magica notte di

Canale TV

L’albero di Fausto, un omaggio a Mesolella e alla sua inseparabile chitarra

Maria Beatrice Crisci -All’ombra della Reggia di Caserta l’albero 🌴dedicato al musicista Fausto Mesolella, 🎸prematuramente scomparso tre anni fa. È un omaggio a lui e al suo inseparabile strumento. L’idea

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply