A Caserta il Natale ha più gusto quando è Made in Sud

A Caserta il Natale ha più gusto quando è Made in Sud

Il programma del “Natale di Gusto” a Caserta ha registrato il grande successo di pubblico al cinema San Marco per lo spettacolo dei comici di “Made in Sud”, con alcuni tra i più importanti attori brillanti del panorama nazionale che hanno regalato una serata di puro divertimento. Uno show all’insegna della solidarietà, visto che l’intero incasso (il costo del biglietto era di 5 euro) è stato interamente devoluto a Telethon. Anche questo evento, quindi, così come era già avvenuto per il concerto al Teatro Comunale di Edoardo Bennato, ha visto il ricavato destinato alla ricerca sulle malattie genetiche rare. In entrambe le occasioni Caserta si è dimostrata oltremodo generosa, fornendo un contributo eccezionale alla causa di Telethon.

Lo show, condotto da Gigi & Ross, che avevano appena terminato la diretta organizzata dalla Rai per Telethon, ha visto alternarsi sul palco alcuni tra i protagonisti più amati della nota trasmissione di “RaiDue”. Sono andati in scena “I Malincomici”, ovvero il trio composto da Gennaro Scarpato, Oreste Ciccariello e Mirko Ciccariello, il simpaticissimo “maresciallo” Tony Figo, l’irresistibile Alessandro Bolide e Pasquale Palma, famoso per l’interpretazione dello stravagante poeta neomelodico Eddy Scampia, che coinvolge tutti con il suo famigerato tormentone “Tutto Apposto”.

Prima dello spettacolo, nel tardo pomeriggio, c’è stato spazio, in piazza Margherita, per il flashmob musicale “Inno alla Gioia”, nel corso del quale sono state proposte tre versioni diverse dell’“Inno alla Gioia” di Beethoven. La prima, più classica, è stata eseguita dall’“Ensemble – I Musici Campani”, formazione costituita da artisti della provincia di Caserta. La seconda, di carattere orchestrale, ha visto impegnata l’orchestra e il coro del Liceo Musicale “Terra di Lavoro” di Caserta, mentre la terza versione ha avuto un marcato carattere pop. A margine ci sono state anche performance pittoriche e di body painting oltre alla foto di gruppo e al girotondo sotto l’albero di Natale.

Domani prevede due eventi molto suggestivi a Casertavecchia. Si parte alle ore 17 con “I rossi di Natale”, una degustazione di alcuni tra i vini più pregiati del Casertano, che si terrà (ingresso gratuito) nell’incantevole scenario della Casa delle Bifore. Sempre nel Borgo, stavolta nello splendido Duomo, alle 19 è in programma un evento d’eccezione (anche in questo caso l’ingresso sarà libero). Protagonista assoluto sarà uno dei più grandi sassofonisti baritonisti al mondo, ovvero Gary Smulyan, che proporrà, affiancato nell’occasione da Aldo Vigorito e Salvatore Cirillo (quest’ultimo è un compositore, orchestratore e pianista casertano) lo spettacolo “Jazz in the Cathedral”, che rappresenta la terza tappa europea dell’anno per il musicista statunitense, che chiude a Casertavecchia il suo tour. Smulyan è molto legato al Sud Italia sia per ragioni familiari – la moglie ha origini italiane – sia per la cucina mediterranea che lui apprezza particolarmente e questo suo amore lo ha manifestato anche nel 2013 dedicando alla musica partenopea un lavoro discografico intitolato “Bella Napoli”, insieme a Dominic Chianese, attore e cantante americano. Un omaggio alla bellezza della nostra terra che, a distanza di tre anni, Gary Smulyan rinnova con un eccezionale concerto jazz: una formazione straordinaria per un evento che si preannuncia unico e memorabile.

Gary Smulyan è considerato l’alfiere della sua generazione tra i musicisti che suonano il sax baritono. Ha studiato alla Hofstra University prima di lavorare con Woody Herman. Suona con la Vanguard Jazz Orchestra e precedentemente ha suonato con la Mel Lewis Big Band. Con Dave Holland suona sia nella Big Band sia nell’ottetto, è componente della Dizzy Gillespie All Star Big Band, ed ha lavorato con la Carla Bley Big Band. Più volte vincitore delle classifiche di Down Beat e Jazz Times quale migliore Sax Baritono, attualmente Smulyan è il direttore artistico della Berkshire Hills Music Academy a South Hadley, Massachusetts, un istituto d’istruzione superiore biennale per studenti da 18 a 30 anni con disabilità dello sviluppo.

Fonte comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9727 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Parte il Festival della Letteratura nel segno del mito

(Redazione) – All’ombra dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, questo pomeriggio alle ore 18.30 è in programma l’appuntamento inaugurale della seconda edizione de “La Memoria degli Elefanti”, il Festival della Letteratura nel

Primo piano

Frammenti di Matres. L’arte contemporanea al Museo Campano

Maria Beatrice Crisci -Al Museo Provinciale Campano di Capua è stata inauguta la mostra personale di Giorgia Di Lorenzo «Frammenti di Matres. Tra antico e contemporaneo». A curarla è Maria

Attualità

Moda 4.0, il corso al Belvedere. Una opportunità per i giovani

Maria Beatrice Crisci – “Una opportunità unica per i giovani che saranno formati in soli due anni. Un percorso fatto dalle aziende e per le aziende che consiste non solo