A che servono questi quattrini, il Salotto a Teatro svela tutto

A che servono questi quattrini, il Salotto a Teatro svela tutto

Claudio Sacco

Giovanni Esposito

– Al Salotto a Teatro con i protagonisti della commedia «A che servono questi quattrini» per la regia di Andrea Renzi. Non solo un incontro con i protagonisti della scena, ma una vera lezione di teatro. Con Giovanni Esposito anche Valerio Santoro, Gennaro Di Biase, Chiara Baffi, Luciano Saltarelli e Fabrizio La Marca. Nel Foyer del Teatro Comunale pieno e nel rispetto del regole anticovid uno speciale e sano pomeriggio di cultura.

Luciano Saltarelli e Chiara Baffi

A che servono questi quattrini di Armando Curcio. La commedia risale al 1940 e fu portata alla ribalta dal trio De Filippo. Due anni dopo lo stesso trio fu coinvolto nella riduzione cinematografica di Esodo Pratelli. La vicenda ruota intorno al marchese Parascandolo detto il Professore che per dimostrare le sue teorie socratiche, bizzarre e controcorrente, ordisce un piano comicamente paradossale che svela l’inutilità del possesso del denaro. Effervescente Chiara Baffi nel ruolo di Rachelina, fidanzata di Vincenzino. Quindi, cast Luciano Saltarelli e Fabrizio La Marca, bravi nel caratterizzare e differenziare gli altri sei personaggi.

About author

You might also like

Primo piano

#domenicalmuseo. Bene per Reggia e Circuito Antica Capua

Luigi Fusco -Più di 5300 visitatori hanno invaso i plessi museali della provincia di Caserta in occasione della ripristinata prima domenica gratuita del mese celebrata giorno 3 aprile. Dalla Reggia

Comunicati

Musica al Tempo di Vanvitelli, eventi alla Cappella Palatina

(Comunicato stampa) -Da venerdì 8 a domenica 10 dicembre, alle ore 17.30 nella Cappella Palatina della Reggia di Caserta, torna Musica al Tempo di Vanvitelli, progetto dell’Orchestra da Camera di

Arte

Battesimo di Cristo, al Museo Campano la tela restaurata

Luigi Fusco -Ritorna a splendere con i suoi colori e attraverso le sue forme la tela del Battesimo di Cristo, attribuita al pittore napoletano Fabrizio Santafede, conservata presso il Museo