Al PAN le identità smarrite di Marco Iannaccone

Al PAN le identità smarrite di Marco Iannaccone

(Enzo Battarra) – Cos’è l’identità di una persona?  Non certo i dati anagrafici e somatici che dovrebbero consentire di riconoscerla. Ecco, al limite quei dati potrebbero essere utili per riconoscere, non certo per conoscere. Ma bastano precisi artefatti cartacei e piccole alterazioni chirurgiche per modificare un’identità anagrafica e somatica e di conseguenza un riconoscimento. Quindi, l’identità è oltre. E’ nella storia personale e collettiva, è in quello che si sente di essere, è nel patrimonio culturale, informativo, emozionale. E  non sempre l’identità corrisponde all’immagine che si ha di sé. In tempi come questi, uno strumento identitario può essere anche ristretto a un codice fiscale, a un codice a barre, a un codice QR, insomma a un codice. E nella condizione post-umana ognuno ha un’identità digitale, e ha soprattutto una fisionomia diffusa, legata ai tanti piccoli frammenti di sé che risiedono nel web. E’ come se le ceneri di ognuno fossero già state sparse su internet. Si è come bottiglie i cui cocci sono volati via in forma di tag.

Una mostra che si intitola “Identità smarrite” è intrigante di per sé. Lui è un fotografo dall’immaginario fertile, dirompente, esplosivo. Lui è Marco Iannaccone, ovvero Scarlet Lovejoy. L’esposizione si inaugura venerdì 19 alle ore 16 presso il PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli. A curarla è Luca Sorbo.

Si può smarrire l’identità? Non dovrebbe essere possibile, sembrerebbe una contraddizione in termini. Si può smarrire la carta d’identità, ma non l’identità. Eppure, la perdita di se stessi, di quello che si è o si ritiene di essere, è una condizione praticabile. Forse la corsa all’apparire, la corsa ad affermare se stessi a prescindere da quello che si è, facendo compromessi e mediazioni pur di avere una propria visibilità, ha snaturato ogni apparato identitario. Si finirà per cercarsi tra i rivoli del web, per ritrovarsi tra i detriti. La condizione di “lost” è una costante. E l’identità non sempre viaggia al fianco del viaggiatore.

Tutto questo smarrimento identitario Marco Iannaccone lo esprime con immagini da “sopravvivenza visiva”. I protagonisti della scena sono persone che interpretano la loro parte, che non significa necessariamente una finzione. Interpretano il ruolo, emozionano, come mai potrebbero fare delle macchine umane. Intorno a tali personaggi, anche dolorosi, in abiti e atteggiamenti così improbabili da apparire ironici, tutto intorno è un turbinio di colori rarefatti, di sovrapposizioni cromatiche, di velature, di citazioni pittoriche. E si avverte il gusto acre, il sapore di un esercizio sulla memoria. Ecco, la memoria, è quella l’identità riposta, nascosta, l’unica vera identità. Quella che viene prima del volto.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8830 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

Terremoto quarantuno anni, oggi più che mai “Fate presto”

Maria Beatrice Crisci -“Fate presto”. Quel titolo del quotidiano “Il Mattino” all’indomani del terremoto in Irpinia del 1980 suona ancora, quarant’anni dopo, come un monito e riecheggia nelle sale della Reggia

Arte

Renzo Arbore e le sue “Neapolitan Memories” a Palazzo Reale

Mario Caldara – Renzo Arbore, oltre a essere un cantautore e un musicista, è senza dubbio una personalità che ha utilizzato la musica come un veicolo di conoscenza, di espansione

Primo piano

Un calcio ai pregiudizi, Maradona jr al Suor Orsola Benincasa

-Domani lunedì 29 novembre alle 10.30 l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, nell’ambito delle attività didattiche del corso di laurea in Scienze della Comunicazione, ospiterà nella sua aula magna una rappresentanza della Società