Antimafia, a Rachele di Sant’Arpino il premio di scrittura

Antimafia, a Rachele di Sant’Arpino il premio di scrittura

Rachele Cinquegrana, alunna dell’Istituto Comprensivo “Rocco – Cav. Cinquegrana” di Sant’Arpino, guidato dal dirigente scolastico Maria Debora Belardo, si è classificata al primo posto – sezione scuole medie – al concorso di scrittura nazionale “L’antimafia non ha bisogno di eroi”, promosso dall’Associazione antimafia daSud in collaborazione con Repubblica.it e MIUR.

schermata-2016-10-10-alle-08-45-35

La premiazione si è svolta a Roma nell’ambito di Restart!”, festival delle creatività antimafia e dei diritti, in una scuola della periferia romana, l’Istituto Enzo Ferrari, nel quartiere di “Cinecittà/Don Bosco”. L’intento del festival è quello di promuovere nei giovani il ruolo della cultura come antidoto alla fascinazione dei clan e riqualificare i territori partendo dalla trasformazione creativa degli spazi urbani pubblici.

Sono stati circa 400 i racconti inviati dagli studenti delle scuole medie e superiori nell’ambito del contest L’antimafia non ha bisogno di eroi”, la sfida redazionale che per il secondo anno consecutivo daSud è tornata a promuovere con la media partnership di “Repubblica Scuola” e la collaborazione della Direzione per la promozione dello Studente, l’integrazione e la partecipazione del MIUR.

Sei sono stati i vincitori del contest: 3 per la categoria delle medie e 3 per quella delle superiori. La giovanissima santarpinese Rachele Cinquegrana è salita sul gradino più alto del podio nella sezione riservata agli allievi delle scuole medie con il racconto “Gli zapatisti di Chiaiano” che è possibile leggerlo all’indirizzo: http://scuola.repubblica.it/campania-caserta-smsrocco/tema/gli-zapatisti-di-chiaiano/.

Significativo e accattivante il premio ricevuto: una raccolta di fumetti antimafia. Soddisfatta a giusta ragione la dirigente Maria Debora Belardo che ha sottolineato: “Questo premio prestigioso è il riconoscimento meritato per un’allieva esemplare e talentuosa qual è appunto Rachele Cinquegrana e nel contempo esalta anche l’ottimo lavoro svolto con abnegazione e passione dal corpo docenti. Complimenti, dunque, all’alunna, ai genitori che l’hanno sostenuta, ai docenti e in particolare alla professoressa Cappuccio che ha curato il progetto”.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9692 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Lex Go, formare alla legalità. Sul podio il liceo San Leucio

-Vince il primo posto del concorso nazionale “Lex Go”, promosso dall’Associazione Nazionale Magistrati in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, il Liceo Artistico San Leucio di Caserta. Alla sezione “Anger Games”,

Attualità

LiberaMente in scena, il teatro si fa in carcere a Santa Maria

Emanuele Ventriglia -Il carcere di Santa Maria Capua Vetere diventa teatro grazie al progetto teatrale «Libera-Mente inscena». Ieri 19 settembre, presso la Sala Giunta del Comune, si è tenuta la

Cultura

Festa della Ciliegia, a Formicola è la regina delle tavole

Tiziana Barrella -Già gli antichi nobili Carafa amavano associare alla ciliegia un buon calice di vino locale, da allora e probabilmente ancor prima, la tradizione vuole che grandi alberi di ciliegio