Approdi, il Nostos di Aversa si prepara al primo decennale

Approdi, il Nostos di Aversa si prepara al primo decennale

La nona edizione di “Approdi” è il preludio al decennale del Nostos. Come ogni anno, abbiamo cercato di offrire al territorio, da un lato, una programmazione di spettacoli e compagnie che difficilmente sarebbe possibile vedere in Campania, dall’altro, aprendoci a realtà e artisti della regione che riteniamo di valore», dichiarano Giovanni Granatina, Gina Oliva e Dimitri Tetta, direttori artistici del Nostos Teatro. «A questo affianchiamo percorsi di alta formazione con artisti noti su tutto il territorio nazionale a forme di contaminazione tra teatro e musica».

Nel primo spettacolo della stagione, “Affogo”, Nicholas è vittima, ma al tempo stesso carnefice di atti “violenti”.  Vive in casa con degli zii particolari e, sin da bambino, conserva un sogno nel cassetto: diventare campione di nuoto, nonostante la sua paura dell’acqua. Una vasca da bagno rappresenta la sua infanzia: il ricordo di quel tempo in cui la sua compagna di avventure era una papera giocattolo, interrotto tuttavia da un evento inaspettato, è causa della sua fobia. Nicholas è costretto a fare i conti  con la propria natura e, dopo aver commesso un danno irreparabile, la sua intera esistenza verrà sconvolta. 

<<I sogni possono essere spezzati da una violenza subdola? E se questa violenza fosse propria 
dell’animo umano, celata sin dall’adolescenza? Da queste domande è iniziata l’indagine scenica su diversi temi: solitudine, genere, rapporti familiari, società corrotta, bullismo 
– spiega il regista nelle note -. “Affogo” è un monologo polifonico che fa parte di un progetto più ampio: “TRILOGIA DELL’ODIO” AFFòG; RIGETTO; CESSO – la morte si conquista giocando. Tre monologhi indipendenti, ma anche uniti in forma completa da una sequenza progressiva a staffetta: in tutti e tre i pezzi compariranno i personaggi protagonisti di ogni singola storia svelando il loro rapporto e ciò che li collega e accomuna solo alla fine, con l’aggiunta di un atto risolutivo. Le arene di AFFOGO sono sostanzialmente due: un bagno e una piscina. Il bagno rappresenta l’elemento più intimo e familiare mentre la piscina rappresenta la società. L’attore performer sarà quindi catapultato in dimensioni diverse per indagare scenicamente sull’odio e sulle possibili relazioni con la famiglia e il sociale. Lo stile è un “tragicomico scorretto” caratterizzato da un umorismo “sick”. Scorretti e sick sono tutti i personaggi della “Trilogia dell’odio”, i quali esibiscono la propria immoralità e una sgradevole visione del mondo attraverso il linguaggio “tragicomico”>>.

Comunicato stampa

About author

You might also like

Cultura

Una settimana da raccontare, baby ciceroni per le Giornate Fai

Maria Beatrice Crisci – Da lunedì 8 a sabato 13 marzo tornano le Giornate Fai, il grande evento nazionale dedicato al mondo della scuola in edizione totalmente digitale ed anche

Attualità

Wwf Caserta. Lauria, trentatré anni in difesa del territorio

(Beatrice Crisci ) – “Quando ho ricevuto la telefonata di Mimmo De Simone, presidente dell’associazione I Giardini del Volturno, che mi comunicava l’assegnazione del premio Orchidea, è stata un’emozione bellissima.

Primo piano

Confindustria Caserta, borse di studio per 26 giovani

–Confindustria Caserta. L’emergenza sanitaria non ha fermato l’assegnazione delle borse di studio per i figli dei dipendenti delle aziende associate. Il tradizionale appuntamento annuale dell’Associazione di via Roma è giunto