Benvenuti a Treglia, ecco la piccola Micene di Terra di Lavoro

Benvenuti a Treglia, ecco la piccola Micene di Terra di Lavoro

Luigi Fusco

– Presso l’odierna località di Treglia, frazione del comune di Pontelatone, sorge l’area archeologica dell’antica città di Trebula Balliensis, il cui circuito è tuttora caratterizzato da possenti mura poligonali, risalenti al IV secolo a.C., il cui impianto è in ottimo stato di conservazione

Poco conosciuta è la storia di questo sito, mentre notevoli sono state le attività di ricerca e di studio, effettuate abbastanza di recente e dedicate alle vicende inerenti le dominazioni sia di età osco-sannita che di epoca romana, così come importanti sono state le campagne di scavo condotte, soprattutto, nell’ultimo decennio.

Dal punto di vista iconografico, Trebula è oggi identificabile proprio attraverso la sua suggestiva fortificazione, composta da blocchi in pietra calcarea locale, il cui perimetro, di 1800 metri circa, racchiude un’area di 20.000 metri quadri. Tale cinta è, inoltre, contraddistinta dalla presenza di una monumentale porta di accesso, la cui forma trapezoidale ricorda, nel senso stretto del termine, quella di Micene, meglio conosciuta come Porta dei Leoni.

Sia per la sua posizione strategica sia per la fertilità della sua terra, Trebula,sin dal I secolo d.C., venne considerata fra i centri più influenti dell’impero romano, insieme a Cales, Allifae, Teanum Sidicinum e naturalmente Capua, l’altera Roma.

Civitas Foederata, era considerata dai romani, per la lealtà mostrata a seguito della fine del predominio sannita; mentre pregiato era ritenuto il vino ivi prodotto, così come riportato dagli scritti di Plinio il Vecchio.

Il suo centro era diviso in due zone: quella alta, l’Arx, collocata sul colle Monticelli, e quella sottostante, corrispondente all’abitato sannitico-romano, meglio nota come Corte.

I primi scavi di Trebula vennero intrapresi nel Settecento. Più che indagini archeologiche, si trattò di vere e proprie scorrerie che per mano di sedicenti antiquari dell’epoca, per lo più di origine straniera, comportarono la spoliazione del suo ragguardevole patrimonio di opere e di oggetti databili ai periodi pre-romani e imperiali. Fra gli episodi più noti, si ricordano le esplorazioni clandestine di sir William Hamilton, ambasciatore d’Inghilterra a Napoli al tempo di Ferdinando IV, nonché ideatore del Giardino all’Inglese della Reggia di Caserta.

Del circuito di Trebula, oltre le megalitiche mura, sono visibili anche i resti di altre importanti strutture: del castellum aquae e del complesso termale.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6369 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Premio d’Aponte. Bando concorso, c’è tempo fino al 28 aprile

-Scade il 28 aprile il bando dell’unico concorso in Italia riservato a cantautrici. È il Premio Bianca d’Aponte di Aversa (Caserta), uno dei più importanti appuntamenti per la canzone di

Primo piano

Dall’Arena allo schermo, all’Anfiteatro c’è Il Cittadino illustre

Maria Beatrice Crisci – Continuano gli appuntamenti nello splendido e suggestivo scenario dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere nell’ambito della rassegna “Dall’Arena allo schermo” diretta da Francesco Massarelli. Mercoledì

Spettacolo

A Pompei una tragedia dopo l’altra, grande stagione di teatro!

Mario Caldara – Al mondo esistono cose immortali, cose che hanno resistito ai millenni, prima dimenticate e poi tornate ad acquisire un ruolo centrale. Le antiche culture greche e latine

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply