“Bevi responsabilmente”, un progetto contro la malamovida

“Bevi responsabilmente”, un progetto contro la malamovida

– Il road show “Bevi Responsabilmente” arriva a Caserta per presentare il progetto dedicato alla cultura del divertimento responsabile, promosso dalla Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi e dall’Associazione Nazionale Magistrati. L’iniziativa è stata presentata a Santa Maria Capua Vetere nell’Aulario dell’Università degli studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ dal vice Presidente provinciale di Confcommercio Caserta Umberto Cinque e dal Presidente provinciale Fipe Caserta Giuseppe Russo. Presenti anche il questore Antonio Messineo, il vice prefetto Luigia Sorrentino, il vice sindaco di Caserta Emiliano Casale e gli assessori con delega alla sicurezza e alla salute, rispettivamente Massimiliano Marzo ed Enzo Battarra, insieme ai delegati dell’ANM, Marcello De Chiara, Gip presso il tribunale di Napoli, e Nicola Camerlingo, Sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Tra i relatori anche Giulia Rebecca Giuliani, Responsabile area legale, legislativa e tributaria di Fipe, Massimo Di Porzio, Presidente Fipe Campania, Valentina Ricchezza, membro della XV Commissione Anm, e Luigi Ferraro, professore dell’Università degli studi ‘Vanvitelli’.

L’incontro, moderato da Roberto Calugi, Direttore generale Fipe, si è aperto con gli indirizzi di saluto di Lorenzo Chieffi, direttore del Dipartimento della facoltà di Giurisprudenza, Lucia Monaco, professoressa dell’Università degli studi ‘Vanvitelli’, Gabriella Maria Casella, presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Carmine Renzulli, procuratore, Francesco Balato, presidente della sottosezione Anm, e Pasquale Russo Direttore Confcommercio Campania.

Associazioni, istituzioni e imprese uniti per promuovere un divertimento sano e lontano dagli stereotipi della “Mala Movida”, all’insegna di un momento formativo e informativo che interesserà i titolari e i dipendenti delle imprese di pubblico esercizio, così come i clienti – anche giovanissimi – grazie al coinvolgimento della rete nazionale degli istituti professionali Re.Na.I.A..

Bevi responsabilmente vuole essere la risposta a comportamenti inadeguati, alla cultura dello “sballo del bridge drinking”, alle violazioni delle regole e degli orari, ai consumi incontrollati e poco attenti alla qualità, all’eccessiva facilità di accesso all’alcol. Tutte pratiche che vanno sotto il nome di “Mala Movida”, fenomeno dilagante in molte piazze d’Italia e certamente favorito, soprattutto nei centri storici delle nostre città, da abusivismo commerciale e una crescita incontrollata di negozi “take away” (+ 54,7% a livello nazionale tra il 2008/2019), dove non può esistere alcun controllo efficace alla vendita di alcol, anche verso le fasce più sensibili della popolazione. Formazione degli operatori, diffusione di buone pratiche tra i clienti, unite ad una maggiore presidio dei Pubblici Esercizi delle nostre città, per valorizzare i centri storici e tornare a vivere il divertimento in tutta sicurezza. Questo il messaggio del progetto lanciato in 24 tra le principali città italiane, per arginare comportamenti pericolosi e dannosi per le persone e la società.

‘Questa iniziativa riveste un ruolo particolarmente importante per il territorio – ha dichiarato il presidente provinciale di Fipe Confcommercio Caserta, Giuseppe Russo, nel suo intervento – perché mira a contrastare un fenomeno, quello della movida selvaggia, che sta dilagando anche tra i giovanissimi. Pubblici esercizi, magistrati e studenti universitari hanno deciso pertanto di fare rete con l’intento di portare avanti una campagna di sensibilizzazione mirata che possa contribuire a invertire la rotta. Il nostro appello va innanzitutto a quegli imprenditori che non rispettano le regole e che continuano, tra le altre cose, a somministrare bevande alcoliche ai minorenni e poi anche a quei giovani consumatori spesso inconsapevoli dei rischi cui vanno incontro quando oltrepassano i limiti. Sono più che certo che attraverso l’azione congiunta di tutti i partecipanti al progetto, riusciremo a porre un freno a questo malcostume e a farci promotori di una ‘sana movida’. 

👩‍💻Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8823 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Il Corruttore. Il libro di Alberto Di Nardi a Caserta

Claudio Sacco – Sarà presentato mercoledì 8 novembre alle ore 18 alla Biblioteca Diocesana in piazza Duomo a Caserta il romanzo “Il Corruttore” di Alberto Di Nardi, Luigi Pellegrini Editore.

Primo piano

La Notte della Moda, il liceo “San Leucio” a Casagiove

-Il Liceo artistico “San Leucio” è la “Notte della Moda” a Casagiove. L’evento promosso dalla Rete Tam, una rete nazionale di scuole che operano in vari settori dell’area moda, che

Primo piano

Pacemaker a 104 anni, “stop and go” all’Ospedale di Caserta

Maria Beatrice Crisci – Ripartire da 104 anni con un impianto di pacemaker. È questa la news che sicuramente ricade tra #lenotiziainpositivo di #ondawebtv e che arriva direttamente dall’Ospedale Sant’Anna e