Capodrise, nel segno di Ophelia riapre il Palazzo delle Arti

Capodrise, nel segno di Ophelia riapre il Palazzo delle Arti

Maria Beatrice Crisci

– Il Palazzo delle Arti di Capodrise si prepara ad ospitare da venerdì 7 luglio alle 19,30 e fino al 22 luglio “Il silenzio di Ophelia”. Un viaggio nell’inquietudine o meglio nell’articolato universo femminile del dolore: dai turbamenti dell’anima alle afflizioni d’amore, dalla sopraffazione della mente alla violenza sul corpo, fino alla lucida follia omicida di cui si parla e si scrive molto ma di cui si comprende ancora troppo poco. Ispirata al personaggio dell’Amleto di William Shakespeare, “Il silenzio di Ophelia”, prodotta dall’associazione “Capidrisi” di Francesco Fraio, è una rassegna nata un’idea del curatore d’arte Michelangelo Giovinale ed è frutto della collaborazione con il sindaco di Capodrise, Angelo Crescente e con l’assessore alla Cultura, Antonella Marotta, e della consulenza editoriale del giornalista e copywriter Claudio Lombardi. L’esposizione ha come partner istituzionali l’Ordine degli architetti di Caserta, il liceo artistico “Buccini” di Marcianise, il liceo artistico “Richi Nervi” di Santa Maria Capua Vetere e il centro studi “De Gasperi” di Capodrise e gode dei patrocini del Ministero dei Beni culturali, della Giunta e del Consiglio regionale della Campania e della Provincia di Caserta.Schermata 2017-07-04 alle 17.04.41
“Il silenzio di Ophelia” è, soprattutto, una mostra d’arte: un percorso espositivo di 13 artisti contemporanei, scelti per la loro sensibilità al tema (Antonella Botticelli, Pasquale Coppola, Alfredo Cordova, Anna Giordano, Agnieszka Kiersztan, Pietro Maietta, Andrea Martone, Laura Niola, Gloria Pastore, Mimmo Petrella, Carmine Posillipo, Peppino Restivo e Nicola Villano). Provengono da storie, formazioni ed esperienze diverse e al Palazzo delle Arti si incontreranno, per la prima volta, con il desiderio di confrontarsi e di interrogarsi sull’inquietudine delle donne. Le opere, nelle diverse e, talvolta, distanti declinazioni, offriranno una mappa di ciò che si manifesta guardando la sofferenza negli occhi. L’esposizione sarà articolata per “stati d’animo”, capaci di costruire percorsi dell’immaginario, che, nella sfera dei sentimenti femminili, cercano un punto di intersezione.
L’apertura della mostra sarà preceduta dalla proiezione del cortometraggio “Pianosequenza” del regista Alessandro Musone, nel quale gli artisti hanno raccontato la loro esperienza sul tema di “Ophelia”.  Le testimonianze hanno restituito 13 inediti e struggenti ritratti dell’anima: ognuno ha rivelato come il “fare arte” sia stato uno straordinario strumento di denuncia, di utilità sociale, di riavvicinamento a un mondo interiore, a una dimensione palpabile che i tempi moderni hanno soppresso in nome della velocità e del consumo. L’arte è lentezza, è recupero del tempo e dei tempi, di cui l’uomo deve tornare a servirsene, nutrendosi. L’arte è verità.Schermata 2017-07-04 alle 17.05.07
Nel nome di “Ophelia”, il Palazzo delle Arti sarà un contenitore aperto alla sperimentazione. Tra gli altri eventi collegati alla mostra ce ne sono due cui l’organizzazione tiene in particolare. Il primo è “Art work”, una sezione, curata da Alfredo Cordova e Vittorio Vanacore, con opere di giovani talenti provenienti dai vivai dei licei artistici della provincia. Gli allievi e i maestri insieme: un esercizio didattico e una proiezione di ciò che il Palazzo offrirà alle generazioni future. Il secondo è “Contro campo”, un intimo reportage della fotografa Fabiana Maietta sull’arrivo degli artisti al Palazzo. Un dietro le quinte che, di scatto in scatto, si è saputo far spazio sul palcoscenico della mostra.
«La varietà dei linguaggi espressivi costituisce la forza della rassegna, la sua ricchezza», dichiara Michelangelo Giovinale. «L’intento era quello di verificare, anche attraverso differenti generi dell’arte, la possibilità di riannidare un dialogo tra l’artista e la società. Di ritrovare una sintonia tra la pluralità degli stili, la contaminazione comunicativa e il mondo circostante. È, in fondo – conclude il curatore –, la funzione sociale dell’arte, cui non si può, non si deve, rinunciare».

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

I Cammini di Campania Felix. Pronti alla Sgambettata

-Si terrà domani, domenica 23 aprile 2023, la sgambettata organizzata dalla Federazione Italiana camminatori sportivi. L’Evento è organizzato nell’ambito de “I Cammini di Campania Felix”. La Sgambettata vi aspetta il

Cultura

Suggestioni medievali e rinascimentali, tappa a Maddaloni

Emanuele Ventriglia -Fa tappa a Maddaloni domani domenica 17 settembre la manifestazione “Suggestioni medievali e rinascimentali in Terra di Lavoro e nei suoi musei”. Il progetto è ideato dal Sistema

Comunicati

Divenire per essere, un concerto a Maddaloni per Einaudi

-La Città di Maddaloni si prepara a dare il benvenuto al nuovo anno all’insegna della grande musica, grazie all’Associazione Culturale Musicale “Giuseppe Verdi” presieduta dal maestro Mario Ceci. Venerdì 30 dicembre,