Capolavori a Palazzo, la collezione di un antiquario alla Reggia

Capolavori a Palazzo, la collezione di un antiquario alla Reggia

Maria Beatrice Crisci

– “La collezione Lampronti è mreggia - artemisia - olto ricca, ed è costituita in larga misura da opere acquisite all’estero, attraverso le aste internazionali, arricchendo il patrimonio artistico italiano con la restituzione all’Italia e alle collezioni italiane di circa 12mila oggetti. Di primo piano, la selezione per la Reggia di Caserta». Così Vittorio Sgarbi, curatore della mostra “Da Artemisia a Hackert. Storia di un antiquario collezionista alla Reggia“, è intervenuto al Teatro di Corte in occasione della conferenza stampa di presentazione moderata da Vincenzo Mazzarella responsabile delle attività di valorizzazione della Reggia. Con Sgarbi, a fare gli onori di casa il Direttore Generale Tiziana Maffei e il gallerista Cesare Lampronti. A seguire, la preview della mostra per la stampa. “C’è stato un grande lavoro di squadra per questa mostra estremamente raffinata che  – ha detto la Maffei – rivela anche l’acuto gusto dell’antiquario, ma anche del collezionista”. “Questa mostra – ha evidenziato Lampronti – confido possa essere l’inizio di un percorso che i miei colleghi, antiquari e collezionisti sapranno interpretare con lo stesso impegno e probabilmente con maggiore successo”. L’esposizione è allestita nella sala degli alabardieri, nella sala delle guardie del corpo e nelle retrostanze settecentesche degli appartamenti storici. E’ stato ricordato che la mostra nasce dalla collaborazione tra la Reggia di Caserta e la Lampronti Gallery, che ha messo a disposizione buona parte delle opere raccolte dal 1914, dalla famiglia di collezionisti. L’esposizione nasce dall’idea di avvicinare il mondo del collezionismo privato e delle Gallerie d’arte a quello dei Musei, intesi come luoghi deputati alla fruizione e alla valorizzazione culturale per pubblici sempre più eterogenei.

Cesare Lampronti è esponente della terza generazione di una celebre famiglia di antiquari, che ha oltre cinquant’anni di esperienza nel mercato internazionale dell’arte. La Galleria Lampronti fu fondata a Roma nel 1914 dal nonno Cesare, specialista in pitture italiane del XVII e XVIII secolo, con particolare riguardo per le vedute, i paesaggi e le nature morte, dal Caravaggio al Canaletto e ai loro seguaci.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7603 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Saldi estivi 2016. Al via anche a Caserta lo shopping da domani 2 luglio

(Beatrice Crisci) – Si alza il sipario anche a Caserta sui saldi estivi 2016. Da domani 2 luglio si apre, infatti, ufficialmente la caccia all’offerta più vantaggiosa. I saldi estivi

Comunicati 0 Comments

Neapolis Mantra, al teatro Augusteo con danza e musica live

Claudio Sacco -Per la prima volta sarà di scena a Napoli – giovedì 5 marzo al Teatro Augusteo, dalle ore 21 – lo spettacolo “Neapolis Mantra”: un’opera multidisciplinare ideata dal

Primo piano 0 Comments

Il sacro fuoco dell’arte, Sant’Antonio Abate è made in Caserta

Enzo Battarra – È il santo del fuoco, ma anche quello del diavolo con le sue tentazioni. Ed è pure il santo del porcellino. Insomma, Sant’Antonio Abate porta con sé

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply