Carla Fracci e la Reggia. Auguri per i suoi 80 anni

Carla Fracci e la Reggia. Auguri per i suoi 80 anni

(Beatrice Crisci) – Ha compiuto in questi giorni 80 anni Carla Fracci, étoile straordinaria, leggendaria. Il piacere è di averla potuta ammirare a Caserta in più occasioni. Memorabile una sua interpretazione anni addietro nel cortile della Reggia, luogo che è tornata a visitare a fine maggio scorso. Ma fa piacere ricordare il suo intervento da “madrina” a ottobre 2014 all’inaugurazione dei More Dance Studios nel cuore della città. Fu in quell’occasione che rilasciò a OndaWebTv un’affettuosa intervista, che viene qui riportata unitamente agli auguri e ai complimenti della testata.

«Io ho portato la danza ovunque, per cui i ricordi sono davvero belli e vivissimi ancora. Ho sempre cercato di divulgare promuovere la danza». Così Carla Fracci, la signora della danza classica, un mito internazionale. uno straordinario esempio di longevità artistica e di serenità. La incontriamo in un’occasione speciale all’ombra della Reggia di Caserta che lei ricorda come «location magica, che riempie di suggestioni».

Che cosa è la danza per lei, signora Fracci?

«La danza è un grande amore, una grande devozione, ma anche una grande disciplina. Tutto questo fa bene ai giovani. Ma il futuro è comunque un punto interrogativo. La nostra professione è un’arte e bisogna lavorare, questo è fondamentale non ci sono bacchette magiche per andare avanti. E quando ci sono i talenti vanno sostenuti. Lo studioè la parte più importante di questo lavoro, uno studio costante, svolto sotto la guida di maestri giusti».

Sono sacrifici quelli di chi si dedica a questa disciplina?

«No! Sono scelte».

Ha viaggiato molto?

«Si. Ovunque si possa danzare, dovunque si possa far conoscere la bellezza di quest’arte, vado sempre con trasporto. Tra le mie più grandi soddisfazioni, infatti, non c’è solo quella di aver danzato nei più grandi teatri del mondo, ma anche di aver portato il balletto nei posti più remoti, nelle periferie, e di aver trasmesso a tanti giovani questa passione».

Non è un periodo facile questo per la cultura.

«Si. E’ vero! Peccato che oggi le cose per l’arte e la cultura non vadano tanto bene. Eppure, si registra un aumento di appassionati e di giovani che si avvicinano sempre più numerosi a queste arti. Spero davvero che ci sia un cambio di rotta».

Ad accompagnarla l’inseparabile marito il regista Beppe Menegatti con il quale quest’anno festeggia ben 50 anni di matrimonio.

Come è stato vivere con questa grande donna, icona della danza nel mondo?

«Belli, pieni di discussioni dinamiche. Abbiamo fatto tantissime volte il giro del mondo e poi soprattutto siamo stati in tutti i paesi del mondo conoscendo una miriade di persone».

Ma la cosa più bella?

«Sicuramente quella di essere diventati nonni!»

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7163 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Mostre, Giovanni Tariello pianta il suo albero al Vovo Pacomio

Maria Beatrice Crisci -«Giovanni Tariello è l’albero». Così scrive il critico Enzo Battarra nel testo di presentazione della mostra di Giovanni Tariello. Il vernissage si è tenuto al Vovo Pacomio

Spettacolo

La solitudine si deve fuggire di Santarelli da OmniarteCaserta

Claudio Sacco – «La solitudine si deve fuggire» di Manlio Santanelli è il secondo appuntamento della rassegna teatrale organizzata dalle Associazioni OmniarteCaserta e Il Teatro cerca casa, patrocinata dal Comune di

Salute

Al sole con prudenza. Risponde l’esperto

Il dermatologo Enzo Battarra ai microfoni di Ondawebtv sul tema: Sole e Prevenzione. L’intervista sul canale di Ondawebtv 

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply