Caserta. Comunale, Vivianesque la danza racconta Viviani

Caserta. Comunale, Vivianesque la danza racconta Viviani

Claudio Sacco

 VIVIANESQUE_(ph_Francesco_Squeglia)_02– E’ per venerdì 15 novembre alle ore 20.45 al Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta l’appuntamento con la Compagnia di danza Körper in scena con Vivianesque. L’universo di Raffaele Viviani reinterpretato attraverso il linguaggio della danza contemporanea nella visione di Gennaro Cimmino con la partecipazione di Lalla Esposito. Danzatori Chiara Alborino, Chiara Barassi, Nicolas Grimaldi Capitello, Sibilla Celesia, Valentina D’Apuzzo Schisa, Nello Giglio, Mariangela Giombini, Sara Lupoli, Marianna Moccia, Antonio Nicastro, Francesco Russo, Giuseppe Villarosa. Danzaerea Federica Altamura, Valeria Nappi, Francesca Pascazio, Stefano Pettenella, Viola Russo, Andrea Spadaro Guerra. Cantanti Paolo Romano (Sha One), Massimo Masiello, Coro Giovanile del San Carlo diretto dal M° Carlo Morelli musiche originali Vito Pizzo, costumi Concetta Iannelli, elaborazione costumi  Rosa Fiorillo installazioni video Alessandro Papa, disegno luci Gianni Netti, scene Ciro Rubinacci disegni Franco Silvestro, assistente alla regia Roberta de Berardinis, assistenti alle coreografie Nicolas Grimaldi Capitello e Marianna Moccia, fonico Diego Iacuz, foto Francesco Squeglia progetto, regia e coreografia di Gennaro Cimmino.

Sempre venerdì 15 novembre alle ore 18.30, al Teatro Comunale di Caserta, Gennaro Cimmino e la Compagnia saranno ospiti del ciclo di incontri “Salotto a Teatro”, condotti dalla giornalista Maria Beatrice Crisci.

Gennaro Cimmino scrive: «Un affresco del teatro del grande commediografo, attore e regista napoletano, restituito attraverso i corpi dei ballerini impegnati in mirabolanti coreografie che ne restituiscono il senso, gli umori, i colori, alla luce di una Napoli odierna. Cerchiamo con i corpi e le voci dei danzatori di rappresentare la realtà contemporanea della nostra città. Attraverso gli speciali affreschi del popolo di Raffaele Viviani, indagheremo il significato della Napoletanità oggi, una riflessione profonda e personale. Una serie di quadri che come vasi comunicanti confluiscono l’uno nell’altro senza soluzione di continuità: il lavoro e i mestieri, la malavita, i guappi e le prostitute, il teatro nel teatro. La maggior parte delle canzoni sono cantate dal vivo in scena da una delle più belle voci della scena contemporanea, Lalla Esposito. Altri cantanti che hanno partecipato al progetto sono Paolo Romano (Sha One), Massimo Masiello e il Coro Giovanile del Teatro di San Carlo diretto dal Maestro Carlo Morelli. A parte si colloca lo splendido lavoro del musicista Vito Pizzo che ha composto nuove musiche sui testi di Viviani presenti nel progetto.Sul palco il corpo di ballo Körper, una compagnia nata all’interno del Centro Coreografico fondato nel 2003 da Gennaro Cimmino, che si è distinta per professionalità e rigore, ricevendo il riconoscimento Ministeriale nel 2014. Un Centro Coreografico che rivolge, fin dalla nascita, la sua attenzione al sostegno dei giovani coreografi del nostro territorio, con inviti e residenze creative estesi anche a quelli residenti all’estero. Vivianesque è uno spettacolo inseguito da anni. Da ragazzo studiavo teatro e danza contemporanea e già allora  leggendo  i testi di Viviani, mi sorprendeva l’attualità degli argomenti da lui trattati. Ho interpretato il Don Nicola, Fravecature, o’ Malamente, Prezzetella ‘a capera e tanti altri personaggi maschili e femminili estratti dalle sue commedie. L’interesse per il suo lavoro è aumentato quando ho iniziato a sentire, quasi come una necessità, l’esigenza di mettere in scena le sue opere, le poesie, le canzoni, attraverso uno spettacolo di danza. Cercheremo, attraverso i corpi e le voci dei danzatori e delle danzatrici di rappresentare la realtà contemporanea della nostra città. E’ iniziata per me una ricerca sul significato della Napoletanità, cos’è questo modo di essere che viene spesso raccontato attraverso le canzoni come una cartolina: gente simpatica, aria profumata e sole perenne, un popolo che resta in attesa di eventi che producano il cambiamento, che è ricercato spasmodicamente nelle istituzioni politiche e sociali che organizzano la nostra vita nella società civile”. Un popolo con grande energia positiva ma mancante di senso di appartenenza allo Stato, al bene comune; un popolo che resta sempre in attesa, senza mai pensare che un possibile cambiamento inizia individualmente, partendo da noi stessi, per cercare di abbattere le diseguaglianze sociali e portare sul tavolo della contemporaneità, nuove istanze sul vivere civile».

 

Gennaro Cimmin

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8256 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

E’ ufficiale. Traettino presidente Confindustria Caserta

Gianluigi Traettino è il nuovo presidente di Confindustria Caserta per il quadriennio 2016 – 2020, eletto nell’assemblea dei soci con oltre il 90% dei voti. Quarantacinque anni, imprenditore dell’industria delle

Primo piano 0 Comments

World Food Safety Day, la sicurezza alimentare interessa tutti

Pietro Battarra -È oggi la Giornata mondiale della sicurezza alimentare. Questa ricorrenza delle Nazioni Unite si tiene ogni anno il 7 giugno. Il suo obiettivo principale è quello di sottolineare

Primo piano 0 Comments

Primo Maggio a Pratella. La scoperta del territorio tra terra e acqua

Claudio Sacco – Il cartellone di eventi “Pratella, Paesaggio di Terra e di Acqua”, si conclude il Primo Maggio. L’iniziativa è promossa dal Comune di Pratella e finanziato dalla Regione Campania nell’ambito del

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply