C’è ancora tempo. Il libro di Paolo Miggiano all’Itis Giordani

C’è ancora tempo. Il libro di Paolo Miggiano all’Itis Giordani

Redazione

-«C’è ancora tempo. Storie di donne che resistono» Terra Somnia Editore è il nuovo libro di Paolo Miggiano che sarà presentato all’Itis Giordani di Caserta. L’appuntamento è per venerdì 2 dicembre alle ore 10,30 nell’Aula Magna dell’Istituto. L’incontro sarà aperto dai saluti della dirigente Antonella Serpico. Con l’autore, a portare la sua testimonianza ci sarà Alfredo Avella. L’evento, moderato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci, si inserisce in una serie di appuntamenti organizzati dalla preside per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne.

In queste pagine, per la prima volta, troviamo i nomi di vittime della cosiddetta criminalità comune, con le loro storie, altrettanto drammatiche, altrettanto inaccettabili, altrettanto dolorose. Sono quelle di Paolino Avella e di sua madre Rosaria, di Salvatore Buglione e di sua figlia Anna, di Daniele Del Core (e del suo amico Loris Di Roberto) e di sua sorella Carmen. E ancora, di Giuseppe Veropalumbo e di sua moglie Carmela e di sua figlia Ludovica, di Rita Ricciardelli e di sua figlia Vanessa e anche di un’antica storia di dolore, quella di Franco Furiati e di sua sorella Elena. Sono vicende, le loro, che costituiscono un pezzo di storia di questa Italia distratta.

In questo volume, Paolo Miggiano restituisce la vita e la resistenza di madri a cui neanche la semantica riesce a dare significato alla loro condizione, di figlie diventate orfane troppo presto, di sorelle rimaste senza la possibilità di confidarsi con i fratelli, di mogli rese vedove in una notte di festa.

Comunicato stampa

About author

You might also like

Primo piano

Floridiana, a Caserta la presentazione del libro di Pettener

Claudio Sacco -«Floridiana» è il libro di Emanuele Pettener che sarà presentato mercoledì 7 luglio presso Il Cortile in via Galilei 24, Caserta. Appuntamento alle ore 18. Con l’autore, Patrizia

Cultura

Buon compleanno dagherrotipo! Bernoud fotografò i Borbone

Luigi Fusco – Il 9 di gennaio del 1839, l’Accademia francese delle scienze annunciava l’invenzione del dagherrotipo. Nasceva così il primordiale procedimento fotografico per lo sviluppo di immagini. Questa tecnica

Attualità

Erasmus+, da “Parthenope” i migliori studenti di Europa

(Pietro Battarra) – Successo degli studenti dell’Università degli studi di Napoli “Parthenope” nel mondo. Una classifica dei più meritevoli nell’ambito del progetto Erasmus+ nell’anno accademico scorso vede tra i primi