Cento anni della Lilt alla Reggia. Il presidente Schittulli

Cento anni della Lilt alla Reggia. Il presidente Schittulli

Maria Beatrice Crisci – Il presidente nazionale della Lilt Francesco Schittulli alla Reggia di Caserta per i cento anni della Lilt. Il video

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9571 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Arte

Quando l’arte incontra la natura. Ecco Essentia rerum

L’arte incontra il Bosco di San Silvestro con la collettiva “Essentia rerum”. Il real casino borbonico, fattoria del re collegata alla sontuosa reggia vanvitelliana di Caserta, apre dunque le proprie

Primo piano

Ancora una sconfitta in Lombardia. Acqua Vitasnella batte Pasta Reggia 92-69

Enzo Battarra            Dopo l’onorevole partita di Milano, un’altra Pasta Reggia gioca e perde sonoramente al Palasport Pianella con l’Acqua Vitasnella Cantù. Il risultato finale è

Cultura

I Borbone e il presepio alla napolitana, il più grande a Caserta

Luigi Fusco – Ancora prima di arrivare a Napoli, nel 1734, Carlo di Borbone aveva contezza della locale tradizione presepiale, in quanto, sin da ragazzino, aveva avuto modo di vedere