Ciambriello, il pranzo con i detenuti del carcere sammaritano

Ciambriello, il pranzo con i detenuti del carcere sammaritano

Pietro Battarra

ciambrielloSamuele Ciambriello, garante per le persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale,  si è nuovamente recato in visita presso il Comando Organizzazione Penitenziaria Militare ubicato nella Caserma “Ezio Andolfato” di Santa Maria Capua Vetere. Nell’istituto di detenzione attualmente sono ristrette 69 persone (polizia di stato, finanzieri, carabinieri, polizia penitenziaria). In questa struttura esiste un campo da calcio regolamentare dotato di tribuna e uno da calcetto, c’è un’area verde piantumata a pini marittimi, attrezzata con gazebo, giochi per bambini, dondoli, scivoli, aperta ai familiari delle persone ristrette. Inoltre, c’ è un bar per i detenuti (unico caso in Italia!). Ogni cella è dignitosa, con tv, bagno, tavolo e armadietto. Notevole è l’esistenza di un’unica mensa per gli “ospiti” e per i “controllori”. Il garante oggi si è fermato a pranzo con loro. Il menù quotidianamente cambia e permette ai detenuti di poter scegliere tra diverse pietanze a self-service.

Il Garante, accolto dal direttore colonnello Gerardo Baiano e dal tenente colonnello Antonio Pellegrino, ha incontrato le persone ristrette nella sala utilizzata per il teatro, ascoltando le loro esperienze positive e le loro criticità: i tempi lunghi dei decreti attuativi, problematiche con la sorveglianza e con l’ufficio esecuzione penale esterna (UEPE).

Per il garante Ciambriello: «Questi standard detentivi che sono normalità in uno stato di diritto, dovrebbero essere presenti in tutti gli istituti penitenziari. Queste condizioni materiali e igieniche delle strutture detentive dovrebbero essere norma. Io credo che dobbiamo costruire la normalità per ogni carcere. Segnalo che anche in qualche altro istituto penitenziario campano ci sono aree di socialità in cui vi è la presenza di piastre elettriche, frigoriferi, diversi tavolini per consumazione e un televisore. Ritengo che lo spazio sia fondamentale e vitale per la socializzazione del detenuto, che gli permetta di vivere serenamente il tempo della pena. Sottolineo che vivere una pena dignitosa, modellata su standard di normalità, accessibili ai ristretti, fa evolvere la situazione carceraria verso un progressivo miglioramento della vita detentiva».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Marco Baliani in scena Teatro Nuovo di Napoli

Claudio Sacco – Marco Baliani porta in scena sul palcoscenico del Teatro Nuovo di Napoli due spettacoli in successione: Kohlass, in programma sabato 12 e domenica 13 gennaio, e Corpo di Stato, da mercoledì 16 a domenica 20

Food

Bocconi, 8 marzo da Pane e Acqua crostata di pera scomposta

Maria Beatrice Crisci – La crostata di pera scomposta è il dolce che per l’8 marzo, la Giornata Internazionale della Donna propone lo chef Stefano Tarallo del bistrot Pane e Acqua.

Cultura

Ali Spezzate. Presentazione del libro alla CGIL di Caserta

Lunedì 29 agosto alle ore 16 presentazione del libro “Ali Spezzate – Annalisa Durante. Morire a Forcella a quattordici anni” di Paolo Miggiano presso la Camera del Lavoro della CGIL