Comunale. Umberto Orsini in Le memorie di Ivan Karamazov

Comunale. Umberto Orsini in Le memorie di Ivan Karamazov

Redazione -Va in scena da venerdì 12 a domenica 14 aprile al Teatro Comunale di Caserta la Compagnia Umberto Orsini presenta Umberto Orsini in Le memorie di Ivan Karamazov. La drammaturgia è di Umberto Orsini e Luca Micheletti dal romanzo di Fëdor M. Dostoevskij. Le scene sono di Giacomo Andrico, costumi Daniele Gelsi suono Alessandro Saviozzi, luci Carlo Pediani assistente alla regia Francesco Martucci, regia Luca Micheletti.

Sabato 13 aprile alle ore 17.00, nel Foyer del Teatro Comunale di Caserta, Umberto Orsini sarà ospite del ciclo di incontri “Salotto a Teatro”, condotti dalla giornalista Maria Beatrice Crisci. Un percorso all’interno dell’ultimo e forse più grande romanzo di Fjodor Dostoevskij, I fratelli Karamazov, che Umberto Orsini affronta per la terza volta nella sua carriera d’attore come una vera e propria linea guida e “cavallo di battaglia”.

Dopo il fortunato sceneggiato televisivo di Bolchi e La leggenda del grande inquisitore, questo “nuovo Karamazov” è per Orsini l’occasione di confrontarsi direttamente con la complessità del personaggio più controverso e tormentato dell’intera epopea letteraria: Ivan Karamazov, il libero pensatore che teorizza l’amoralità del mondo e conduce forse consapevolmente all’omicidio l’assassino di suo padre.

Ivan Karamazov, protagonista controverso e tormentato, colpevole e innocente insieme, ritorna a parlare, come un uomo ormai maturo che sente di non aver esaurito il suo compito, che sente il suo personaggio romanzesco troppo limitato per esprimere la complessità del suo pensiero e chiarire le esatte dinamiche dei “delitti” e dei castighi”.

E così si confessa e cerca di raccontare la sua storia. Compila le sue memorie e tenta di fare luce sui propri sentimenti e sulla propria filosofia, provandosi a svelarne le implicazioni criminali in un vero e proprio thriller psicologico e morale il cui più alto vertice resta l’immaginario poema di Ivan che narra del confronto metaforico tra un Cristo ritornato sulla terra e un vecchio inquisitore che crede che Egli si meriti il rogo.

Nella ricchezza d’un linguaggio penetrante quanto immediato e nell’avvicendarsi degli stati psicologici d’un personaggio “amletico” e imprendibile, Umberto Orsini è il grande protagonista d’un inedito viaggio nell’umana coscienza che non teme di affrontare tabù antichi e moderni (la morte del padre, l’esasperato vitalismo, l’incontro con il diavolo…) precipitando Ivan Karamazov nel suo personale “sottosuolo” dal quale egli compone delle allucinate eppure lucidissime memorie, quarant’anni dopo le vicende del romanzo di Dostoevskij.

L’attore, accompagnato da una musica in stringente e fervido dialogo emotivo con le parole ch’egli pronuncia, dà luogo ad una straziata e commovente confessione a tu per tu con se stesso e con i propri fantasmi, a metà tra la finzione letteraria e il “pirandelliano” dissidio con un personaggio in cui ritrova le espressioni più oscure del proprio “io”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9685 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Casertavecchia, la favola di Cappuccetto Rosso va al Castello

Alessandra D’alessandro -Oggi, venerdì 8 luglio alle ore 19 presso il Castello di Casertavecchia si terrà uno spettacolo per ragazzi de “La Mansarda Teatro dell’Orco”. “Cappuccetto Rosso” è il titolo

Primo piano

Body shaming? No, grazie. L’ultima tendenza folle del web

Vincenzo Addio*  – “L’importante non è essere, ma apparire”. È la versione corretta e aggiornata del famoso detto ai tempi dei social. Tempi nei quali l’apparire deve sottostare a certi

Primo piano

Reggia di Caserta. Concerto dell’ensemble Arcadia Ritrovata

Claudio Sacco – Il concerto dell’ensemble L’Arcadia Ritrovata è in programma oggi venerdì ​​​alle ore 18 nella Sala di Alessandro alla Reggia di Caserta. Le musiche di Johann Sebastian Bach,