Contouring e Highlighting, quando la luce del sole non basta

Contouring e Highlighting, quando la luce del sole non basta

Emanuela Ammendola

– In un mondo in cui la comunicazione di massa e il sempre più pervasivo uso della rete internet hanno reso tutto alla portata di tutti, anche la bellezza in tutte le sue dimensioni è divenuta una realtà comunemente possibile. Nell’epoca consacrata alle immagini e all’apparenza la scala dei valori sociali appare profondamente cambiata e tale cambiamento risulta avvenire in modo rapido e omogeneo in tutti i paesi globalizzati, dove ideali e canoni di bellezza sempre nuovi sono quotidianamente diffusi e commercializzati tramite ogni mezzo e canale di comunicazione, ideali ai quali ogni donna o uomo, degno figlio della propria epoca, aspira. Con un semplice accesso alla piattaforma web YouTube, ad esempio, ci si ritrova a navigare tra miriadi di video tutorial in grado di fornire guide e consigli su come ottenere un “trucco e parrucco” perfetto, permettendo a chiunque di restare aggiornato in merito alle ultime tendenze e alle più sofisticate tecniche di maquillage. Una delle tecniche più discusse e, spesso invano, sperimentate dalla donna moderna è quella del cosiddetto contouring e highlighting, definita nel sito web make-up-me.it come la “tecnica che vi permette di enfatizzare certe zone del viso e scolpirne altre, per creare un effetto luce/ombra che otticamente vi renderà ancora più belle e permetterà di diminuire anche alcune piccole imperfezioni”. Glamour.it d’altro canto distingue contouring da highlighting, definendo il primo come un insieme di “giochi di ombre create con terre e polveri scure, in modo da nascondere imperfezioni del viso o zone troppo marcate” e il secondo come “l’utilizzo di giochi di luce per mettere in evidenza particolari del viso.” Tale differenza non è poi così scontata come si può pensare, infatti, se la parola contouring è definita nell’ Oxford Dictionary come “the technique or practice of using make-up, typically foundation or bronzer, in such a way as to accentuate or enhance the shape or structure of the face” (la tecnica o pratica di utilizzare fondotinta o terra, per accentuare e valorizzare la forma Schermata 2019-03-15 alle 08.43.39o la struttura del viso) e nel Treccani come una “tecnica di trucco basata sull’uso di terre e correttori per ridefinire i contorni di naso, menti, guance, zigomi”, il discorso si fa più complesso in relazione alla parola highlighting. L’espressione, infatti, trova il suo corrispondente inglese più vicino nella parola highlight definita nell’Oxford Dictionary come “a bright or reflective area in a painting, picture, or design” (una zona luminosa o un riflesso in un quadro, una fotografia o un disegno) e nel Collins English Dictionary “to produce blond streaks (in the hair) by bleaching” (creare meche nei capelli tramite la tecnica della decolorazione). Malgrado le comunanze con il campo dell’estetica nella prima definizione e della bellezza femminile e della cura di sé nella seconda, non vi sono chiari riferimenti alla tecnica di illuminazione del viso e décolleté alla quale l’espressione in oggetto fa riferimento. La presenza del sostantivo highlight nei dizionari di lingua inglese, ma non del sostantivo accompagnato dal suffisso –ing potrebbe conseguentemente giustificare la mancanza di una definizione anche in dizionari della lingua italiana come Treccani, Garzanti e Hoepli. Inoltre l’utilizzo della forma highlighting piuttosto che highlight, oltre a definire la tecnica in questione in quanto processo, potrebbe essere riconducibile ad un fenomeno di assimilazione alla più affermata espressione contouring, designante anch’essa un processo e con la quale highlighting solitamente ricorre.

 

Malgrado la sempre più crescente diffusione nella lingua parlata dell’espressione highlighting, una motivazione primordiale alla base della sua assenza nei dizionari italiani come in quelli inglesi potrebbe essere la celerità con la quale le nuove linee e tendenze nel campo della moda, della bellezza e dell’estetica vengano rimpiazzate da altre e definite in un batter d’occhio démodé, ragion per cui risulterebbe probabilmente azzardato inserirli in modo permanente nel vocabolario di una lingua.

La domanda sorge dunque spontanea: la tecnica del contouring e highlighting, sempre più comunemente dibattuta tra il pubblico femminile, arriverà ad un successo tale da guadagnarsi la possibilità di una sua affermazione a pieno titolo nella lingua italiana e in quella d’origine? O si tratta di un trend destinato a spegnersi con la stessa rapidità con la quale è nato?

*Università degli Studi di Napoli Parthenope, Corso di Dottorato in Eurolinguaggi e terminologie specialistiche, XXXIV CICLO

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6617 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Bambini, tutti al museo! Inaugurata a Santa Maria la ludoteca

Maria Beatrice Crisci – «Non potevamo chiudere meglio di così le nostre Giornate europee del patrimonio, con l’inaugurazione della prima ludoteca stabile in Italia, nel museo archeologico dell’Antica Capua». Ida

Primo piano

4 Novembre, un drappo tricolore fascia Palazzo Acquaviva

Maria Beatrice Crisci -Oggi 4 novembre giornata dell’Unita Nazionale e delle Forze Armate. Alle 11 la cerimonia al Monumento ai Caduti in forma contenuta nel rispetto nelle normative anti Covid. Per

Attualità

AORN Caserta, si lavora celermente per l’ospedale modulare

Maria Beatrice Crisci – Sono iniziati celermente all’AORN Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta i lavori per la realizzazione dell’ospedale modulare, nel quale vi saranno ben 24 posti letto di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply