Covid 19 e diabete autoimmune. Lo studio della Vanvitelli

Covid 19 e diabete autoimmune. Lo studio della Vanvitelli

Maria Beatrice Crisci

La professoressa Katherine Esposito, Ordinario di Endocrinologia e Direttore dell’UP di Diabetologia, insieme al suo team della Diabetologia dell’AOU Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” ha pubblicato su Diabetes Research and Clinical Practice, una interessante ipotesi secondo la quale la pandemia COVID-19 potrebbe originare un’esplosione di nuovi casi di diabete tipo 1.

Commentando la recente pubblicazione sull’organo ufficiale dell’International Diabetes Federation, la professoressa Esposito afferma: “Come Ordinario di Endocrinologia e Direttore dell’UP di Diabetologia, ho immaginato, insieme al mio gruppo di Diabetologia della Vanvitelli, che potesse esistere una relazione fra l’esposizione a COVID-19 e l’insorgenza di nuovi casi di diabete tipo 1, una delle malattie croniche autoimmuni più comuni.

Sappiamo da tempo, infatti, che i virus possono essere annoverati fra i fattori ambientali in grado di avviare la risposta del sistema immunitario nei confronti delle cellule del pancreas che producono insulina. Da studi longitudinali descritti in letteratura, abbiamo evinto che molti dei virus responsabili di infezioni respiratorie, fra cui i coronavirus, possono associarsi al diabete tipo 1. Abbiamo, dunque, ipotizzato dei plausibili meccanismi in grado di spiegare il danno delle cellule beta del pancreas indotto dal virus”.

La professoressa Esposito prosegue: “l’innesco della risposta immunitaria nei confronti del pancreas potrebbe essere la conseguenza dell’amplificazione del ciclo virale o della diffusione di antigeni virali tramite il circolo ematico, oppure della prolungata esposizione del sistema immune agli antigeni virali. Senza dimenticare che, a causa della somiglianza degli antigeni virali con quelli espressi dalle cellule del pancreas, si potrebbe scatenare una risposta immune contro queste ultime, soprattutto negli individui già predisposti geneticamente alle malattie autoimmuni”.

Conclude la professoressa Esposito: “per confermare la nostra ipotesi, sarà importante, nel prossimo futuro, eseguire periodici controlli delle glicemia e del profilo di autoanticorpi negli individui che sono stati esposti a COVID-19, soprattutto in chi è già affetto da una malattia autoimmune”. Un’interessante prospettiva per individuare i soggetti a rischio di diabete tipo 1 assicurare un intervento terapeutico tempestivo per i nuovi casi.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9731 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Fabbrica Wojtyla. Combattiamo il Covid-19 con il culturavirus

Pietro Battarra -In questi giorni in cui l’emergenza coronavirus ci costringe a cambiare le nostre abitudini, i giovani della Fabbrica Wojtyla propongono: “Combattiamo il coronavirus con il culturavirus”. E lanciano

Arte

Liceo Artistico San Leucio, Mario Ciaramella versione virtuale

Claudio Sacco – Nell’ambito degli “Eventi d’arte 2021”, domani sabato 23 gennaio, alle ore 16,30, su piattaforma Google, il Liceo Artistico San Leucio inaugura la prima mostra virtuale del ciclo

Primo piano

Notte di San Lorenzo, è il cielo che piange lacrime di desideri

Augusto Ferraiuolo  – La prima cosa a cui pensiamo nel parlare di San Lorenzo non è la sua agiografia o rituali eventualmente connessi alla sua figura. Pensiamo alla notte, e alle stelle