Fate presto alla Reggia, quarant’anni dopo l’urlo suona attuale

Fate presto alla Reggia, quarant’anni dopo l’urlo suona attuale

– Inizia il percorso di riallestimento alla Reggia di Caserta della collezione Terrae   Motus,  in occasione del quarantennale del sisma in Irpinia. Il 23 novembre 1980 fu un giorno che segnò profondamente la storia dell’Italia intera. La distruzione fu occasione di un’operazione culturale straordinaria del gallerista napoletano Lucio Amelio che chiamò a raccolta i più grandi artisti dell’epoca per trasformare la catastrofe del sisma in forza creativa. A quarant’anni del drammatico evento, la Reggia di Caserta riapre il dialogo iniziato a suo tempo tra il linguaggio contemporaneo e gli ambienti reali.


I capolavori  di molti dei più grandi artisti contemporanei verranno collocati lungo il percorso museale tradizionale negli Appartamenti Reali. Il progetto, avviato da Tiziana Maffei con la collaborazione di Angela Tecce, storico dell’arte già dirigente MiBACT e curatore di mostre di rilievo internazionale, parte da una rilettura della raccolta che Amelio volle lasciare alla Reggia di Caserta. Ventuno delle 72 opere, tra le quali alcune tra le più iconiche della collezione, sperimentano la relazione diretta con il quarto del Re, l’Appartamento Nuovo e oggi definito dell’Ottocento dopo le trasformazioni napoleoniche, e con il quarto dei Principi ereditari, curati da Carolina e Ferdinando IV. Successivamente verranno collocate tutte le altre. “Terrae Motus è il sogno visionario di un grande uomo che coltivava l’amore, che ispirava, sosteneva e dava vita all’arte”, afferma Maffei. “C’è una stretta analogia tra lui e Carlo di Borbone, il re che riuscì a guardare lontano per la nascita della capitale di un regno. La collocazione delle opere di questa preziosa collezione negli Appartamenti Reali, lungo il percorso museale del Palazzo Reale, è l’inizio di un processo di valorizzazione che ci porterà entro l’anno a restituire con forza il messaggio di Lucio Amelio. Un dialogo costante tra passato, presente e futuro per ricostruire una relazione imperitura con l’arte internazionale”. ​ Le opere hanno trovato negli Appartamenti Reali una naturale collocazione. La mostra si aprirà con “Terremoto in Palazzo” di Joseph Beuys. E’ nella prima Sala, quella degli Alabardieri, per ricordare, riprendendo il suo testo-proclama, che “ogni uomo possiede il Palazzo più prezioso nella sua testa, nel suo sentimento, nella sua volontà…”. Il percorso proseguirà nella narrazione con il Vesuvius Circle di Richard Long nella Sala del Trono e, tra gli altri, con le opere di Luigi Ontani e Pisani negli ambienti dei corridoi solo di recente riscoperti, di Giulio Paolini nelle stanze decorate del Settecento, di Julian Opie nella Biblioteca Palatina, di Mimmo Paladino nella Sala delle Battaglie della collezione Farnese, di Nino Longobardi nella sala Filippo V, di Robert Rauschenberg nella Sala delle Allegorie per segnare la direzione esatta nel disorientante Palazzo Reale. Si concluderà con Andy Warhol e il suo monito alle istituzioni “Fate presto”, questa volta rivolto al visitatore, quale urgenza a destarsi e a esercitare  il pensiero critico individuale per contribuire personalmente e socialmente ad uscire dalla calamità contemporanea. L’inizio e la fine di un cammino inedito e rivoluzionario è segnato da due artisti per diversi motivi agli antipodi.  In attesa di poter riaprire le sue porte al pubblico e di fruire di Terrae Motus dal vivo, la Reggia di Caserta dedicherà il prossimo week end e l’intera settimana successiva alla mostra per svelarne, giorno dopo giorno, i dettagli. Le opere, la loro collocazione e alcune personalità del mondo dell’arte e della cultura che hanno negli anni contribuito alla lettura, alla conoscenza e alla storia di questo patrimonio, saranno protagonisti di un’intensa attività sui social e sul sito internet istituzionale. Le iniziative sul web, che si apriranno con un videomessaggio del direttore generale della Reggia di Caserta, saranno precedute sabato alle 10.50 su RaiRadio3 nella trasmissione “A3 Il formato dell’Arte” da un dialogo a più voci con Tiziana Maffei, Angela Tecce e l’artista americano formatosi nella galleria di Amelio, Tomas Arana. 
Il 23 novembre, alla programmazione social, si aggiungerà la condivisione congiunta di post con il MANN: alle 13, la Reggia di Caserta presenterà gli scatti dell’Archivio Fotografico del Museo Archeologico Nazionale di Napoli che per la ricorrenza presenta on line la mostra “19.34 / Quaranta anni dopo / La storia in presa diretta. Il MANN proporrà sui suoi canali social alcune immagini del nuovo allestimento di Terrae Motus. La tragedia del terremoto diventa, così, occasione di vicinanza e compartecipazione tra luoghi della cultura.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6358 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Il Blues è servito. A Palazzo Cascella con The Boogie Machine

Enzo Battarra – Signori, il blues è servito. A Palazzo Cascella ad Aversa è in programma per venerdì 8 giugno lo spettacolo musicale «Whiskey & Dynamite». L’appuntamento è per le

Primo piano

Artistico di San Leucio, con il Rotary alla scoperta del corallo

Claudio Sacco  – Una convenzione nel nome della tradizione e della storia del corallo tra il Liceo Artistico “San Leucio” e il Rotary Club Caserta Reggia. Ad annunciarlo è la dirigente

Food

Vinalia, cala il sipario sulla rassegna di Guardia Sanframondi

Claudio Sacco -Si avvia alla fase finale Vinalia, la XXVII edizione della rassegna enogastronomico. Stasera ultimo appuntamento a Guardia Sanframondi, in provincia di Benevento. Il tema di questa tornata 2020 è “Per mille ragioni, per mille

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply