Finisce un’epoca alla Reggia, a ottobre Felicori va in pensione

Finisce un’epoca alla Reggia, a ottobre Felicori va in pensione

Maria Beatrice Crisci

– «In ragione della legge sulla quiescenza obbligatoria per limiti di età dei dipendenti pubblici, il mio contratto con lo Stato come direttore della Reggia di Caserta cesserà con il prossimo ottobre, in anticipo di un anno rispetto alla scadenza indicata. Peccato». Lo scrive in un post su fb Mauro Felicori, il super manager della Reggia di Caserta, che da buon comunicatore qual è non ha fatto mai mancare la sua voce nelle informazioni e nei commenti. E lo fa anche questa volta annunciando dover lasciare il suo incarico il prossimo 31 ottobre per sopraggiunti limiti di età.

reggia felicoriLa notizia lascia di stucco, quasi un fulmine a ciel sereno in questa caldissima estate casertana. I commenti si susseguono l’uno dopo l’altro, tutti a favore di colui che dall’ottobre del 2015 ha cambiato l’immagine di un monumento, bene dell’Umanità, che in tanti invidiano. Certo non sono mancate le difficoltà, ma sono proprio quelle in cui si misura l’attitudine di un manager  Il monumento vanvitelliano è diventato, dati alla mano, sempre più meta preferita dai turisti. La #curaFelicori ha funzionato e l’immagine in positivo della Reggia va alla grande.

Dei tanti, tantissimi commenti all’annuncio del pensionamento, uno merita particolare attenzione, perché proviene da un collega di Mauro Felicori, il tanto apprezzato Paolo Giulierini, direttore del Mann, il Museo archeologico nazionale di Napoli. Così scrive: “Apprendo ora questo post da Mauro Felicori. Mauro è un manager di altissimo profilo che sta dando lezioni a tutti noi su come si può rilanciare un sito culturale e su come sia possibile creare straordinarie connessioni con il territorio. Con lui la Reggia di Caserta ha registrato numeri da capogiro e una visibilità nazionale e internazionale senza pari. Dico solo che sono onorato di averlo conosciuto, di aver imparato tanto da lui e di averne apprezzato anche l’umanità e l’impegno civile. Ma questo è solo un ciao. La Campania e l’Italia hanno troppo bisogno di lui”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9633 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Tombola! Quando i numeri hanno la stessa sostanza dei sogni

Luigi Fusco – Durante il tempo di Natale, in alcuni contesti della città partenopea e di altri paesi della Campania, insiste la consuetudine di associare i novanta numeri della Cabala

Primo piano

#siisaggioguidasicuro, alla Vanvitelli si presenta il progetto

-Dopo gli incontri formativi/divulgativi di #siisaggioguidasicuro, il progetto sulla sicurezza stradale promosso dalla Regione Campania e attuato dall’Anci Campania in collaborazione con l’Associazione Meridiani, svoltisi nei Comuni di Quarto, Pozzuoli

Spettacolo

Piazza Carlo di Borbone. Cantata Anarchica per Fabrizio De Andrè

Redazione -Davanti alla Reggia di Caserta, in piazza Carlo di Borbone, la Cantata Anarchica per ricordare Fabrizio De André. E per questo mese di febbraio gli organizzatori hanno scelto per