Fondazione Erri De Luca, borse di studio per studenti migranti

Fondazione Erri De Luca, borse di studio per studenti migranti

Maria Beatrice Crisci

-Nell’aula magna della Scuola di Lingua e Cultura Italiana, nella sede della Comunità di Sant’Egidio di via San Nicola a Nilo, Napoli, si è tenuta la cerimonia di consegna delle borse di studio della Fondazione Erri De Luca per studenti universitari migranti. Hanno coordinato gli interventi il professore Francesco Dandolo, delegato per l’inserimento di ragazzi migranti e profughi ai Corsi di Laurea dell’Università Federico II e la professoressa Silvia Acocella, del medesimo Ateneo, responsabile per la Fondazione Erri De Luca.

Significativo il sintetico intervento di apertura della prorettrice Rita Mastrullo che ha riportato alla memoria la lettera in cui Federico II illustra ai sudditi i propositi che lo hanno indotto a creare a Napoli una scuola di studi superiori ‒ uno Studium, pagando i maestri, ossia offrire l’opportunità ai sudditi di elevare il proprio livello culturale, accrescendo così l’importanza e il benessere economico del regno. Il tema è stato ripreso dal professore Antonio Pescapè, responsabile per la Terza missione, che ha individuato nell’operato della Scuola e nel successo degli studenti destinatari delle borse di studio “un ecosistema virtuoso per il cambiamento, da esportare e replicare”. Le parole coinvolgenti di Erri De Luca hanno evocato l’immagine dei semi che viaggiano lungo itinerari difficili e tortuosi per poi svilupparsi in maniera potente, superando ogni tipo di barriera. Lo scrittore ha efficacemente rappresentato i vantaggi dell’inclusione e ha poi citato il Salmo 34 di Davide, dove si ricorda che la pace va inseguita. Il mood della cerimonia è stato di forte empatia, creata attraverso i brevi racconti dei dieci borsisti: Talveen Kaur, Odirachukwunma Abogwalu, Guido Antony Marco Mirando, Nethmi Perera, Amantha Aluth Muhandiramlage, Jennipha Udenson Bempah, Mojibullah Khadem, Nehal Shuja, Pride Kufakwedeke, Precious Ukwuoma.

Gli studenti hanno riferito le loro iniziali difficoltà di integrazione, riconducibili soprattutto alle differenze lingua-culturali, ringraziando per l’aiuto ricevuto dalla comunità di Sant’Egidio (in particolare dalla prof. Mercede Sabatini per l’apprendimento dell’italiano), che li ha portati ad essere a loro volta volontari nell’aiutare i nuovi migranti e i disagiati. Le loro success-stories negli studi di medicina, professioni sanitarie, lingue e culture, realizzate nonostante le difficoltà contingenti, hanno creato un’atmosfera di forte condivisione che le parole di padre Gino e l’intervento musicale del cantautore Luk (Enzo Colussi) hanno rafforzato ed esaltato.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9768 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Food

Benvenuta, estate! Lo chef Giuseppe Daddio da Morsi&Rimorsi

Claudio Sacco – L’appuntamento è per venerdì 23 giugno al bistrorante Morsi&Rimorsi di via G.M. Bosco a Caserta.  L’ospite d’eccezione in cucina, per la terza volta, sarà lo chef Giuseppe Daddio

Primo piano

Mauro Felicori e Edoardo De Angelis. A loro il Premio Jambo

Claudio Sacco – “Si cresce se ciascuno nel proprio ambito accetta la sfida di innovare lavorando in una visione sinergica e moderna”. Così Mauro Felicori direttore della Reggia di Caserta.

Primo piano

Trentola Ducenta, summer camp inclusivo su bene confiscato

Redazione -Il primo summer camp inclusivo per i bambini con diverse abilità sarà realtà: questa volta è un’associazione di Trentola Ducenta ad avere il primato. Si tratta di un’idea-pioniera sviluppata