Giornalismo investigativo, lunga vita alla Summer School

Giornalismo investigativo, lunga vita alla Summer School

«Dal 9 all’11 settembre Casal di Principe è diventata un osservatorio privilegiato, per certi versi, unico, di un fenomeno di portata globale». Così Giovanni Allucci, amministratore delegato del consorzio Agrorinasce, si esprime sulla seconda edizione della Summer School Ucsi-Agrorinasce, appena conclusasi e dedicata, quest’anno, al “Giornalismo investigativo al tempo del califfo”.

La scuola, diretta da Luigi Ferraiuolo, è stata messa in piedi dall’Ucsi e da Agrorinasce, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Campania e la Fondazione POLIS e con il patrocinio della FNSI, della FISC e della Seconda Università di Napoli. Oltre cento iscritti, provenienti da ogni angolo d’Italia; più di 30 relatori, tra cui analisti, esperti in geopolitica, inviati di guerra; 4 location coinvolte, tutti beni confiscati alla criminalità poi recuperati a uso sociale, pubblico e produttivo; 3 giorni di approfondimento, tra “lectio”, testimonianze, laboratori e visite guidate.

«Sono soddisfatto – aggiunge Ferraiuolo – di come è stato gestito l’evento. Impeccabili gli ospiti, che hanno coinvolto e catturato la platea. Hanno offerto le loro conoscenze e la loro esperienza, con l’obiettivo di formare le penne di oggi e di domani, su una tematica così attuale. Ma se per il secondo anno consecutivo la Summer School si è rivelata un successo, lo devo anche alla macchina organizzata di Agrorinasce e alla straordinaria accoglienza ricevuta da Casal di Principe. Con queste premesse – conclude Ferraiuolo – è già possibile pensare a una terza edizione». L’ultima mattinata di studi, domenica 11 settembre, si è conclusa nella parrocchia di San Nicola con l’incontro con don Franco Picone e la visita alla sacrestia dove fu ucciso, da sicari della camorra, don Peppe Diana. Rivolgendosi ai giornalisti e agli studenti, il sindaco Renato Natale li ha invitati a considerare quel luogo «non il posto in cui è morto don Peppe, ma dove è iniziata da rinascita di un popolo».

Fonte: Comunicato stampa

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7467 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Giornata del Tricolore, la bandiera che fu anche dei Borbone

Luigi Fusco – 224 anni e non sentirli. Il 7 di gennaio si celebrano le ricorrenze in onore della bandiera italiana. La sua prima apparizione risale a un’epoca precedente all’unità

Primo piano 0 Comments

Madre Factory, in esposizione le opere di Temitayo Ogunbiyi

Pietro Battarra -È visitabile da oggi “Giocherai nel quotidiano, correndo”, l’installazione commissionata dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee all’artista Temitayo Ogunbiyi durante il lockdown, e realizzata a distanza per Madre Factory 2020.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply