Il Corruttore. Il libro di Alberto Di Nardi a Caserta

Il Corruttore. Il libro di Alberto Di Nardi a Caserta

Claudio Sacco

– Sarà presentato mercoledì 8 novembre alle ore 18 alla Biblioteca Diocesana in piazza Duomo a Caserta il romanzo “Il Corruttore” di Alberto Di Nardi, Luigi Pellegrini Editore. Con l’autore l’avvocato Antonio Cerreto, ex sindaco del Comune di Maddaloni, e  Pasquale Iorio, presidente de “Le Piazze del Sapere”. Coordina il dibattito la giornalista Maria Beatrice CrisciIl libro, una sorta di pubblica denuncia di un corruttore reo confesso che decide di raccontare la sua difficile storia e che secondo molti scuoterà diverse coscienze della politica e della società civile, prende le mosse dal racconto dell’ex patron della “Dhi Spa”, società che ha svolto il servizio di raccolta rifiuti a Maddaloni ma anche in altri importanti Comuni della provincia di Caserta. Di Nardi, arrestato nel marzo 2016 per corruzione, ha deciso di confessare dando avvio ad un proficuo percorso di collaborazione con la Magistratura ricostruendo così, con dovizia di particolari, l’intera vicenda dei rapporti tra politica e imprenditoria percorrendo la labile linea di confine tra la legalità e l’illegalità.

“L’evoluzione della corruzione in Italia, nonostante la stagione di Mani pulite – ha scritto nella sua prefazione Pantaleone Sergi – si è rivelata incontrollabile. Le cronache quotidianamente raccontano storie di sindaci ladri e imprenditori rapaci. È lo spaccato che Alberto Di Nardi ci consegna; l’autore fa della vicenda che lo ha coinvolto e travolto un caso scolastico su cui riflettere, perché – ci spiega – è dal di dentro, dall’interno del “sistema” che, pur partendo da solidi principi, si può deviare dalla retta via nella cosciente convinzione che tanto “così fan tutti” e che non esistono altre forme per navigare nel mare in tempesta di un’economia a interessi illegali, proprio da parte di chi avrebbe il compito di garantire legalità”.

Per la scheda tecnica o per sfogliare gratuitamente le prime pagine del libro: www.albertodinardi.it

Per tutte le iniziative, le presentazioni e ogni altra curiosità è possibile consultare la pagina Facebook: www.facebook.com/albertodinardiautore/

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

QuattroZampeInFiera, la “due giorni” per cani e gatti. A Napoli

Pietro Battarra – Cani, gatti e padroni. Sabato 23 e domenica 24 settembre alla Mostra d’Oltremare di Napoli c’è QuattroZampeInFiera, il più importante e divertente evento dedicato agli amici animali, che torna

Primo piano

Cultura d’impresa e supporto gratis alle startup, ecco l’intesa

Claudio Sacco – “Per noi questo è un punto di partenza importante e l’intenzione è di allargarlo anche alle altre categorie come Confindustria e Camera di Commercio, ma anche alle

Primo piano

Silk&Beyond, si veste di seta la Caserta solidale

C’è una via della seta che porta a Caserta, anzi al settecentesco borgo di San Leucio. Questa prestigiosa tradizione borbonica va difesa, valorizzata e promossa come costante eccellenza del territorio.