Il culto delle Matres. Mirra, nuova edizione per La Città sotto la Città

Il culto delle Matres. Mirra, nuova edizione per La Città sotto la Città

-In vista dell’edizione 2023, l’undicesima per “La Città sotto la Città”, si rinnova la partnership tra i Comuni dell’Appia con Santa Maria Capua Vetere, ente capofila, Capua, Curti, San Prisco, San Tammaro e Casapulla in un unicum territoriale lungo il percorso della “Via Appia, Regina viarum”.

Un immenso patrimonio condiviso fatto di storia, cultura, tradizioni ed enogastronomia nel quale far immergere il turista in un’esperienza unica attraverso visite guidate teatralizzate, spettacoli tematici con rievocazioni storiche, concerti, musica, proiezioni e degustazioni nell’ambito di un ambizioso progetto che, da settembre all’inizio delle festività natalizie, si svolgerà grazie ai fondi regionali POC Cultura con il coinvolgimento dei luoghi più rappresentativi dei Comuni partner attraverso un itinerario di riscoperta che permetterà al visitatore di godere al meglio della meravigliosa storia di questi territori. 

L’XI edizione, dal titolo “Nascere, archeologia, storia e monumenti sulle sponde del Volturno e nella piana campana”, parte da una delle testimonianze più note dell’archeologia campana, vale a dire la raccolta delle statue in tufo note come Matres, conservate al Museo Campano e al Museo dell’antica Capua, e intorno al senso del nascere, della ritualità e dei culti costruisce un percorso narrato attraverso i secoli per proporre una rilettura del proprio territorio e una presentazione a un pubblico più vasto delle proprie specificità.

“La nuova edizione de “La Città sotto la Città”, in linea con la precedente – hanno dichiarato il Sindaco Mirra e l’Assessore Ferriero – va verso una caratterizzazione di area vasta che, insieme ai Comuni limitrofi, si prefigge l’obiettivo di creare un itinerario di viaggio che sia centrale nell’importantissimo percorso della “Via Appia, Regina Viarum”, l’infrastruttura più visionaria di tutti i tempi oggi candidata a Patrimonio Mondiale Unesco. E Santa Maria Capua Vetere, insieme agli altri Comuni, lungo questo percorso di oltre 600 chilometri che collega Roma e Brindisi, costituisce sicuramente il fulcro di questo straordinario itinerario”.

About author

You might also like

Stile

Mostra Dinosauri. Le telecamere di UnoMattina a Caserta

Maria Beatrice Crisci -Le telecamere di UnoMattina Estate, hanno fatto tappa a Caserta. Ad incuriosire il giornalista Francesco Gasparri la mostra Living Dinosaurs in corso fino al prossimo 25 settembre

Arte

Bruno Donzelli nella Scala dell’arte, la sua personale a Milano

Maria Beatrice Crisci – “Con Milano ho sempre avuto un rapporto particolare. Giovanissimo ho esposto al Premio San Fedele. È una città che porto nel cuore e poi c’è il fermento

Primo piano

100 Domeniche, la casertana Liliana Bottone nel film di Albanese

Maria Beatrice Crisci -C’è anche Caserta nel nuovo film di Antonio Albanese presentato al festival di Roma e in sala dal 23 novembre. Liliana Bottone, casertana doc, 28 anni, sarà accanto