Il dermatologo e la vitiligine, quando il sole fa bene alla pelle

Il dermatologo e la vitiligine, quando il sole fa bene alla pelle

Maria Beatrice Crisci

– La data del 25 giugno è riservata alla celebrazione della Giornata mondiale della vitiligine, una ricorrenza globale che mira a sensibilizzare su una condizione cronica della pelle circondata da numerose idee sbagliate.

“La vitiligine è una di quelle malattie dermatologiche che si avvantaggia dell’esposizione solare”, riferisce il dottor Enzo Battarra, responsabile del reparto di Dermatologia dell’Azienda Ospedaliera di Caserta. “Tant’è vero che durante il periodo invernale i pazienti vengono trattati con la fototerapia, un’apparecchiatura elettromedicale che emette raggi ultravioletti capaci di stimolare le aree più chiare a ricolorarsi. Durante i mesi estivi, poi, si invitano i pazienti a esporsi al sole, ovviamente nelle ore della giornata meno calde, come il mattino presto e il pomeriggio. Ciò prende il nome di elioterapia. Per la vitiligine si usano anche particolari filtri solari al posto dei comuni prodotti di protezione”.

dott. Enzo Battarra

La vitiligine è, infatti, una malattia della pelle caratterizzata da perdita di colore di aree cutanee. La causa della vitiligine non è nota. Sono disponibili diverse opzioni di trattamento. Molti pazienti affetti da vitiligine affrontano lo stigma sociale, l’abbandono e la discriminazione, in particolare nei paesi africani. Ad esempio, la ballerina di origini Sierra Leone, Michaela DePrince, è stata derisa come una “figlia del diavolo” nella sua prima infanzia a causa della vitiligine.
Questa giornata di sensibilizzazione mira a combattere numerose idee sbagliate sulla vitiligine e migliorare la qualità della vita dei pazienti con vitiligine. La data del 25 giugno è stata scelta per commemorare l’anniversario della morte di Michael Jackson cui fu diagnosticata la vitiligine nel 1986.
La prima celebrazione si è svolta il 25 giugno 2011. L’evento principale si è tenuto a Lagos, in Nigeria.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8811 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Giorno della Memoria, il valore sociale e civile di Tora e Piccilli

Luigi Fusco -Il 27 gennaio, come ogni anno dal 2005, ricorre la commemorazione delle vittime dell’Olocausto, in quanto nello stesso giorno, ma nel 1945, le truppe dell’Armata Rossa, già impegnate

Reggia di Caserta, la sala Romanelli recuperata al contemporaneo. In mostra le installazioni di Demetz e Sannino

(Enzo Battarra)               È iniziata la fase di riappropriazione da parte della Reggia di Caserta delle sale da destinare alle esposizioni d’arte, siano esse

Rossella, il panino dedicato alle donne ha un nome leggendario

Maria Beatrice Crisci – Un panino in occasione della Giornata della donna? Ebbene sì! Ci ha pensato Ornella Buzzone, patron e chef di Public House, il burger gourmet all’ombra della

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply