Il Negozio di Altalene va in scena al Piccolo Cts di Caserta

Il Negozio di Altalene va in scena al Piccolo Cts di Caserta

Pietro Battarra

Il Piccolo Teatro Cts di Caserta, (via Louis Pasteur 6 zona Centurano) diretto da Angelo Bove, ospita il prossimo fine settimana lo spettacolo “Il Negozio di Altalene” presentato dalla compagnia teatrale Teatro Lux di Pisa per la regia di Alberto Ierardi. L’appuntamento è per sabato 3 febbraio ore 20,30 e domenica 4 febbraio ore 18,30. In scena Luca Oldani anche nelle vesti di autore e Berardo Sommani alla chitarra.

foto di scena 2Ecco alcune considerazioni su questa pièce dell’autore/attore Luca Oldani: Avete mai pensato di vivere in altalena? E di viaggiare in altalena? Sicuramente occupa meno spazio di una casa, o di una macchina, un treno, un aereo, ma ha un problema: rimani sempre fermo. Non ti sposti, resti comunque nello stesso posto. Marco Polo, alla fine dei suoi viaggi apre un’agenzia, dove racconta quando da bambino è riuscito a viaggiare senza mai spostarsi. Ispirato a “Le città Invisibili” di Italo Calvino, “Il Milione” di Marco Polo, “Se Venezia Muore” di Salvatore Settis, “Fondamenta degli Incurabili” di Iosif Brodskij, e “Morte a Venezia” di Thomas Mann, questo spettacolo è un inno al viaggio immaginario, al viaggio più grande che possiamo fare e anche il più difficile; il viaggio dentro di noi. Un avanti e indietro continuo, supportato e amplificato da un repertorio di canzoni popolari che vanno dal 1940 al 1970. Attraverso cosa? La memoria, la più grande altalena mai costruita. Perché “i ricordi rimangono, e il restare non ha dove”. Lo spettacolo gode anche della ricca collaborazione dell’associazione “120grammi”, associazione pisana composta da giovani architetti pisani, nata per promuovere l’architettura e le iniziative per la salvaguardia dell’architettura e per un urbanistica responsabile. Gli architetti di 120grammi, letto il testo, si sono offerti con entusiasmo di progettare assieme alla compagnia teatrale, le scenografie dello spettacolo, partendo dall’idea di un parco giochi. Il parco giochi, una metafora perfetta di questa storia. Marco Polo viaggia rimanendo fermo, senza spostarsi, e cosa meglio di una giostra, un arrampicata (ispirata all’abitacolo di Bruno Munari), un’altalena, può esprimere questo concetto? Il parco giochi come viaggio statico ma immaginario, infinito e senza costi. Credo sia importante, in questo periodo storico parlare di viaggio e di città. In un epoca e in una società che ci “obbliga” ad abbandonare la nostra terra, in un tempo in cui vivere la città è sempre più pericoloso, sempre più privo di progetti culturali, sociali e architettonici, con questo lavoro si prova, tramite la poesia, a interrogarsi su come possiamo vivere le nostre città, la nostra condizione ormai nomade, in altro modo. Qual’è il confine tra andare via perché effettivamente non c’è rimasto niente per noi, e la voglia di scappare da una realtà che ci fa paura, da una città e una comunità che forse semplicemente ci chiede delle responsabilità che magari noi giovani non vogliamo prenderci. Marco Polo ci suggerisce di partire da noi, di viaggiare dentro di noi, e poi capire, successivamente, se l’unica soluzione a tutto è la fuga. Il progetto è sostenuto economicamente dall’università di Pisa (UNIPI).

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9738 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Al liceo Manzoni il console generale di Francia a Napoli

Maria Beatrice Crisci – “Sono qui con gran piacere. Ho saputo che siete buoni studenti di lingua francese e faremo di tutto per rendere il vostro studio più agevole”. Ha

Primo piano

Reggia in musica a Santo Stefano, concerto per un dì di festa

Redazione -Santo Stefano in musica alla Reggia di Caserta con il tradizionale Concerto per un Giorno di Festa, giunto alla trentaduesima edizione, tra i più attesi e seguiti eventi natalizi, quest’anno realizzato per le Celebrazioni Vanvitelliane… Music’al tempo

Economia

Punto Impresa Digitale. Workshop alla Camera di Commercio

Claudio Sacco – Una giornata di presentazione del Punto Impresa Digitale (P.I.D.), realizzato dalla Camera di Commercio di Caserta nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0 e degli strumenti per sostenere