“Io vivo per te”, vince a Toronto il corto del Collettivo Paula

“Io vivo per te”, vince a Toronto il corto del Collettivo Paula

-“Io vivo per te” vince in Canada. Dopo la menzione speciale di “Best women’s short film” in India, il cortometraggio sul Gaslighting di Rita Raucci, scritto con Claudio Lombardi e Paolo Mazzarella e per la regia di Gaetano Ippolito, ha ottenuto il premio “Best sound & music” al Black & White Film Festival di Toronto. Le reazioni del pubblico, «Film fantastico», «Opera eccellente», «Geniale», raccolte dalla piattaforma Wild Sound (https://bit.ly/3FeUtgN), esaltano diversi aspetti dell’opera: un riconoscimento importante per il Collettivo Paula di Caserta e per il gruppo di lavoro, che chiude un 2021 straordinario. Interpreti del film, la stessa Raucci e, nei panni del gaslighter, Peppe Romano. Firma la fotografia Damiano Errico, le riprese e il montaggio sono di Luigi Nappa, le musiche originali di Mauro Falardo, il suono di Fabio Sorrentino. «Il successo, inaspettato, di “Io vivo per te” dimostra che verso la violenza psicologia non c’è semplice curiosità, ma attenzione vera. Quello della manipolazione e dell’abuso mentale nei rapporti interpersonali è un rischio concreto che travalica il genere, il ceto sociale e il grado culturale delle vittime», dichiarano gli autori. 

Esistono forme di violenza che non sfociano in un contatto fisico, che non sono l’esito di un’aggressione. Sono forme infide, insidiose, fatte di lunghi silenzi e di parole che feriscono, pungenti e subdole; che minano l’anima, fino a indurre nella vittima il pensiero di essere “sbagliati”, facendo crollare ogni sicurezza verso di sé e verso ciò che la circonda. Il Gaslighting è una di queste ed è, per giunta, una grave violazione dei diritti umani. Si esprime attraverso una manipolazione mentale insidiosa e costante; può manifestarsi in una relazione sentimentale, affettiva o professionale: non è una violenza di genere, ma le donne sono le vittime più ricorrenti. Non esistono ancora una definizione giuridica compiuta e una previsione normativa che sanzioni i comportamenti dell’abusante, né in Italia né altrove. Inoltre, la difficoltà della vittima di riconoscersi come tale e quella degli operatori sanitari, sociali e di polizia di inquadrare il tipo di violenza, favorendo, tra l’altro, la vittimizzazione secondaria, rendono complesso tracciare le dimensioni esatte del fenomeno con dati ufficiali; tanto che si parla, spesso, di “cifra oscura”. L’obiettivo, forse ambizioso, di contribuire a creare quella cultura della conoscenza, tale da far uscire dall’inconsapevole prigionia le vittime e qualificare e potenziare la rete di aiuto, ha spinto Rita Raucci, Claudio Lombardi e Paolo Mazzarella a stendere una sceneggiatura che raccontasse con il linguaggio del cinema tutte le fasi dell’abuso mentale generato dal Gaslighting.

Produzione indipendente, l’opera, già in fase di lavorazione, ha ricevuto il patrocinio morale della Presidenza del consiglio regionale della Campania, dell’Osservatorio del fenomeno della violenza sulle donne della Regione Campania, della Consulta per la condizione della donna della Regione Campania, della Commissione per l’uguaglianza dei diritti e le pari opportunità fra uomo e donna della Regione Calabria, della Provincia di Caserta e dei Comuni di Caserta e di Capodrise.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

FutureLabs plus, al Giordani formazione web per i docenti

-Ripartono le attività del programma di formazione per il personale della scuola previste dal progetto FutureLabs plus Giordani – Insieme per la scuola 21/22. L’ITI-LS Francesco Giordani scuola polo FutureLabs

Primo piano

Ordine Architetti di Caserta, una sala dedicata a Elviro Di Meo

Maria Beatrice Crisci  – L’Ordine degli Architetti di Caserta ricorda Elviro Di Meo, scomparso prematuramente l’anno scorso. Architetto, designer sammaritano e giornalista, Di Meo era molto impegnato sullo studio dei

Primo piano

Miss Italia, le tre casertane pronte per sbarcare a Jesolo

(Redazione) – Significativa la presenza di ragazze casertane nel gruppo delle bellezze campane che lunedì 29 partirà per la semifinale del concorso di Miss Italia a Jesolo. Dei sette nomi