Joe Barbieri in trio, sul palco dell’Arena Spartacus Festival

Joe Barbieri in trio, sul palco dell’Arena Spartacus Festival

Pietro Battarra

-Joe Barbieri in trio con Antonio Fresa al pianoforte e Daniele Sorrentino al contrabbasso all’Arena Spartacus. Appuntamento martedì 25 agosto alle ore 21,30 nella suggestiva location dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere.

Da “Un Posto Qualunque” a “Fammi Tremare I Polsi”, da “Scusami” ad “Una Cicatrice Ed Un Fior” fino a “Belle Speranze”, “Normalmente” e “Rinascimento”, Joe conduce gli ascoltatori in un viaggio lieve nel quale ciascuno ritrova un ricordo, una nostalgia, una sensazione provata, un attimo della propria quotidianità raccontati con l’energia delicata che ognuno vorrebbe dedicata ai propri sentimenti.

Napoletano, classe 1973, Barbieri inizia il suo percorso musicale nella città natale, agli inizi degli anni ’90. A scoprirlo e accompagnarlo nella registrazione dei suoi primi pezzi è Pino Daniele. Autore, cantautore e produttore discografico, la sua musica è pubblicata in molti paesi del mondo, e il suo stile, che lega la canzone d’autore al jazz e alla musica world, lo ha portato nel corso degli anni a collaborare con artisti come Omara Portuondo, Jorge Drexler, Stacey Kent, Stefano Bollani, Peppe Servillo e Pino Daniele. Tra gli autori italiani maggiormente apprezzati, Joe Barbieri ha spesso prediletto negli anni come interpreti le voci femminili, scrivendo – tra le altre – per Patrizia Laquidara, Giorgia o Musica Nuda.

Qualsiasi tentativo di trovare un termine che definisca l’arte di Joe Barbieri non basta ad esplorare tutte le sfumature della sua ricerca; musicale, letteraria, linguistica, sonora. Non solo perché Barbieri porta in sé riferimenti alla canzone d’autore della migliore scuola italiana e francese, come anche al jazz o alla bossa nova, ma perché ogni sua canzone è un universo compiuto, in cui la cura per i dettagli racconta la spontanea predisposizione alla bellezza.

Se pur ogni brano sia perfettamente concluso e si regga in totale autonomia, ciascuno è indissolubilmente collegato ad un altro e ad un altro ancora, fino a svelare la fitta tessitura di una Poetica, costruita negli anni con dedizione ed eleganza, perfetta ma anche impalpabile come un Origami.


About author

Pietro Battarra
Pietro Battarra 72 posts

Pietro Battarra, giornalista pubblicista. Iscritto a Scienze delle Comunicazioni Università Suor Orsola Benincasa Napoli, si interessa in particolare di cultura e fenomeni sociali. La sua passione sono la moda e il fitness. Ha iniziato giovanissimo a sfilare per marchi come Dolce&Gabbana, Trussardi, Hogan, Roberto Cavalli, Alcott, MSGM, Minimal ed è stato protagonista di shooting fotografici e cataloghi per importanti campagne pubblicitarie. Dall’esperienza a New York a quella in Cina, nei suoi progetti c’è quello di occuparsi di marketing e comunicazione.

You might also like

Primo piano

Una parola al mese / La sorpresa è che trap deriva da trapear

María Lucía Carrillo Expósito – Il verbo trapear (tra-pe-ar), in lingua spagnola, è ampiamente riportato da tempo nei dizionari normativi spagnoli e il suo significato risponde all’azione di lavare i

Primo piano

Prima Biennale casertana d’arte, l’appuntamento è a ottobre

Maria Beatrice Crisci – Nella Sala Giunta del Comune di Caserta presentata la prima “Biennale d’Arte Contemporanea del Belvedere di San Leucio”. L’evento prenderà il via il prossimo primo ottobre al Belvedere di

Primo piano

Cosa è un Drum Circle? Tutti a Caiazzo per poterlo scoprire

Claudio Sacco -Tutto pronto per «Drum Circle session» in programma oggi alle ore 17 al «Rassicale» di Caiazzo sulla strada provinciale, località Santa Lucia. La partecipazione è gratuita. Ma che

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply