La Befana. Cinque artisti, cinque storie di speranza

La Befana. Cinque artisti, cinque storie di speranza

Maria Beatrice Crisci (in copertina Alessandro Del Gaudio) -Oggi è l’Epifania. La parola, già di per sé evocativa, assume un particolare significato in campo artistico. È apparizione, è visione. Tutti sanno che la festività è legata alla manifestazione della divinità di Gesù ai Tre Magi in visita a Betlemme. Ma l’Epifania è anche la festa laica dei doni, dove ad apparire nella fantasia collettiva è la Befana. Ecco allora che un quintetto di artisti casertani ha inteso interpretare l’Epifania proprio attraverso l’immagine della Befana, con declinazioni anche molto originali. Sono Carlo de Lucia, Alessandro Del Gaudio, Roberto Pagliaro, Giovanni Tariello e Giuseppe Vaccaro. La domanda che si pongono è quali possano essere i regali che la comunità di Terra di Lavoro si aspetta in un periodo di grave crisi sanitaria ed economica come quello attuale. Strega o fata? Sulla figura della Befana, l’antropologo culturale Augusto Ferraiuolo, un casertano con docenza universitaria a Boston, così si esprime: «Strega, ma buona. Fa riferimento a un’epoca in cui le streghe erano di aiuto e non un pericolo. È quello che Jules Michelet chiama il periodo d’oro. Le streghe erano guaritrici e aiutavano il gruppo sociale. La Befana è probabilmente l’unico simbolo rimasto di quel tempo. Non si parla ovviamente di date storiche precise, ma di variazioni di atteggiamenti culturali».

Carlo De Lucia

La interpreta invece più come fata Carlo de Lucia. Ecco infatti la Befana arrivare nella piazza di Casertavecchia, con la facciata del duomo in bella evidenza. E il ricordo va alla leggenda delle fate che trasportarono le colonne di marmo all’interno della cattedrale. Nella piazza dipinta da de Lucia con lampi di colori arrivano anche i Re Magi, mentre la pavimentazione si riempie di sacchetti di doni. Ognuno porta scritto il nome del regalo: amici, libertà, amore, arte, sorriso, gioia. È proprio una «Befana Casertana» quella dipinta da Alessandro Del Gaudio. Ha la maglietta rossoblù! Vola sul cielo di Terra di Lavoro e dà un colpo di scopa al Covid 19. Porta i soliti regali per tutti, ma questa volta dona la Primula che consente di fare il vaccino. Si lega a lei un desiderio di salute.

Roberto Pagliaro

È tifosa della Casertana anche la Befana disegnata da Roberto Pagliaro. Giovane e sensuale, è veramente «Una Befana per tutti…». Il suo pensiero va allo Stadio Pinto, sperando di regalare un po’ di gioia ai supporter della squadra. Ma in primo piano ci sono anche la Reggia, il duomo di Casertavecchia, la statua di Vanvitelli. La Befana porta con sé tanti motivi per far sorgere un sorriso sul volto di grandi e piccini. Lancia un’idea personale di «Festa» Giovanni Tariello. Non viaggia sulla scopa la sua Befana, ma è una donna forte che ha negli occhi i colori dell’arcobaleno. Il suo compito è portare la pace. Alle spalle il profilo rassicurante della Reggia, una traccia maestosa capace di infondere un ritmo alla pittura. Notturno pop con Epifania quello di Giuseppe Vaccaro. Ecco la Befana, al chiaro di luna, sorvolare la Reggia sull’immancabile scopa. La sorpresa è che la vecchina indossa la maschera di Pulcinella. La pizza e il corno portafortuna con la corona aggiungono tradizione e scaramanzia in chiave partenopea.

Giovanni Tariello
Giuseppe Vaccaro

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9783 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Legalità, mi piace. Giornata nazionale di Confcommercio

(Redazione) – Oggi 22 novembre si svolge la quarta edizione della Giornata di Confcommercio “Legalità, mi piace” che sarà incentrata sui fenomeni criminali che riducono la competitività del nostro sistema produttivo,

Spettacolo

Campania Festival, una prima assoluta di Roberto De Simone

Claudio Sacco – Torna al Campania Teatro Festival il maestro Roberto De Simone. Appuntamento domenica 20 giugno alle 21. Il Campania Teatro Festival è diretto per il quinto anno consecutivo

Primo piano

Il Pendolo, il secondo open day è al Palazzo Fazio di Capua

Maria Beatrice Crisci -Dopo il primo open day a Caserta all’Istituto Salesiano, il Pendolo storica Scuola di Teatro e Cinema, ideata e diretta da Antonio Iavazzo dal 2001, replica sabato