La dermatologia in piazza a Caserta, nel segno del rinoceronte

La dermatologia in piazza a Caserta, nel segno del rinoceronte

Maria Beatrice Crisci

IMG_7083– La dermatologia casertana è scesa in piazza, nel salotto buono della città per una mattinata dedicata alla prevenzione. L’iniziativa, in piazza Margherita, ha rappresentato il secondo appuntamento delle Domeniche della Salute e è nata dalla collaborazione tra l’Azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” e i Rotary Club Caserta Reggia e Luigi Vanvitelli. Impegnati i dermatologi  del nosocomio casertano, che si sono avvalsi anche della collaborazione di altri specialisti pronti a sostenere una causa sociale. La tendostruttura montata dal servizio volontariato civile di Caserta ha attirato molta attenzione. Invero, in molti si sono fermati per un controllo dermatologico.

Il direttore generale dell’Azienda ospedaliera “Sant’Anna e San Sebastiano” Mario Nicola Vittorio Ferrante prosegue, pertanto, in maniera sempre più intensa nella sua opera di attiva collaborazione con le istituzioni civili, militari e religiose, cittadine e provinciali, ma anche con il mondo del volontariato, per promuoIMG_4334vere l’offerta di salute e sensibilizzare la popolazione sui temi della prevenzione.

Nell’occasione, il manifesto della “Dermatologia in Piazza” è stato firmato dal noto grafico, designer e artista Alberto Grant, che ha voluto omaggiare l’iniziativa di un suo segno pittorico, utilizzando la sagoma a lui consueta del rinoceronte. Nell’occasione il vigoroso animale va a rappresentare proprio il paziente dermatologico, nella sua difficoltà di avvertire una pelle diversa, di sentirsi escluso per quella superficie cutanea macchiata, a volte ispessita. Il rinoceronte “dermatologico” è ancor più pachiderma, è ancor più un animale isolato, perde anche la sua forza prorompente. Fermo in una posa statuaria, aspetta che la scienza dermatologica gli renda di nuovo l’entusiasmo per la vita. Fiero di essere rinoceronte, vuole rimanere libero nel suo territorio, ma anche libero di vivere la sua pelle.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Carriera alias per transgender, è il Giordani il primo a Caserta

Maria Beatrice Crisci – Nella Giornata contro il femminicidio, il 25 novembre, il Giordani, diretto dalla preside Antonella Serpico, ha scelto di presentare la grande novità, «Il regolamento Alias». Saranno

Cultura

Cari genitori, ad Aversa tavola rotonda su un mestiere difficile

Maria Beatrice Crisci – L’Associazione Culturale MirArte e Palazzo Cascella hanno organizzato per giovedì 30 novembre una tavola rotonda sul tema “Essere genitori oggi. Oltre il legame biologico”. Saranno affrontati la

Attualità

Buone Notizie, Caserta premia l’informazione al positivo

Claudio Sacco -Torna il Premio Buone Notizie. Vincitori dell’edizione 2020 sono: Andrea Monda, direttore de «L’Osservatore Romano», Maria Pia Ammirati, direttore delle «Teche Rai», il cuore dell’azienda televisiva nazionale, che nel