La pastiera, è sempre lei la regina dei dolci della Pasqua

La pastiera, è sempre lei la regina dei dolci della Pasqua

Redazione -Il suo profumo è inconfondibile. Dei dolci della tradizione partenopea è sicuramente la regina. È lei, la pastiera. Fino a qualche lustro fa era uno dei dolci regionali che a Pasqua i più tradizionalisti preferivano o magari affiancavano a colomba e uovo. Poi la pastiera napoletana si è conquistata uno spazio proprio, uscendo dai confini partenopei e diventando un dolce nazionale. Vero è che da qualche anno la sua ricetta è tra le più ricercate in rete, secondo Google Trends, anche se la sua esecuzione, a base di grano cotto nel latte, ricotta, uova, canditi, burro e acqua di fiori di arancio, sia tutt’altro che facile. Un dolce per tutto l’anno, insomma. Una prelibatezza napoletana antichissima, tradizionalmente preparata il giovedì o il venerdì santo prima di Pasqua. La leggenda vuole che sia nata quando le mogli dei pescatori lasciavano delle ceste piene di fiori d’arancio, grano, frutta candita, ricotta e uova come offerta per il mare. Speravano infatti che questo permettesse ai mariti di tornare a casa. Il tutto veniva lasciato in spiaggia la sera, ma al mattino gli ingredienti erano stati mescolati dalle onde e nelle ceste si trovava la pastiera. Nella realtà questa torta accompagnava le feste pagane di primavera ed era un augurio di fecondità, ricchezza e vita. La pastiera ha un guscio di pasta frolla e un «cuore» di grano bollito, ricotta, uova, spezie, canditi e scorze d’agrumi. Gli aromi utilizzati per il ripieno sono cannella e acqua di fiori d’arancio. La pastiera, nei suoi vari gusti, accompagna e guida il transito verso la Pasqua, che è appunto passaggio. C’è in tutti la voglia di andare verso una vita nuova, simile a quella vecchia, ma che avrà comunque un approccio diverso, determinato da questo tempo sospeso.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9767 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Giovedì grasso ma non troppo, una lettrice scrive in redazione

Luigi Fusco – È giunta una lettera in redazione. Sta per cominciare il periodo di carnevale, ma si è ancora in piena emergenza covid. Una lettrice scrive per condividere una

Primo piano

Nicola Pedana Caserta, l’apocalisse arriva nella galleria d’arte

Maria Beatrice Crisci per Ondawebtv   – Nella Galleria Nicola Pedana in piazza Matteotti 60 a Caserta affollata inaugurazione della mostra «Apocalypse». Sei gli artisti internazionali che espongono fino al 6 dicembre prossimo.

Cultura

La scrittrice Eisenberg attesa a Torino per il Salone del Libro

Mariastella Eisenberg presenterà il 15 maggio alle 20 nella Sala Romania a Lingotto Fiere in occasione della XXIX edizione del Salone del Libro di Torino, intitolata Visioni. L’ultimo romanzo della