La sala capitolare del complesso di San Lorenzo Maggiore torna a splendere

La sala capitolare del complesso di San Lorenzo Maggiore torna a splendere

(Mario Caldara) – Fascino, storia, bellezza sono aspetti, elementi, che a Napoli si sentono a casa e che alla città appartengono. Ci si può, per esempio, stupire dinanzi alla Basilica reale pontificia di San Francesco di Paola o al Maschio Angioino, o si può rimanere incantati passeggiando sul lungomare, o, ancora, suggestionati dalle fattezze del famosissimo Cristo Velato. Napoli sa offrire davvero tanto ma è risaputo che parte del suo potenziale è ancora inespresso. Poi ci sono delle storie, quelle che hanno un lieto fine, quelle che fanno capire che l’amore per la storia della città non solo vive ma, addirittura, esplode. Dal passato di Napoli, riemerge un vecchio diamante, tornato a luccicare dopo un accurato restauro. È la Sala Capitolare del Complesso di San Lorenzo Maggiore, quel diamante. La Sala Capitolare torna a farsi ammirare con le sue volte a vela, una bellezza rispolverata, una bellezza che, dalla sua, ha un certo simbolismo storico. Realizzata durante il periodo svevo, fu voluta, così come l’intero complesso monumentale di San Lorenzo Maggiore, da Carlo I d’Angiò, che, di fatto, facendo importare a Napoli l’arte francese, fece sì che il complesso fosse il primo in città ad ergersi nello stile gotico. Ciò sancì una vera rivoluzione ed evoluzione, che partiva dall’urbanistica e che arrivava alla precisa volontà di far raggiungere alla città il livello di eccellenza delle altre grandi capitali del mondo. Ergendo il complesso, voleva ergere Napoli stessa, capitale del regno delle Due Sicilie. L’intero complesso, poi, durante i secoli, ha subìto diverse modifiche e interventi, che ne hanno mutato l’aspetto originariamente concepito. Difatti, da quando era interamente in stile gotico, alcuni suoi elementi sono mutati in barocco, in primis la facciata della chiesa. La stessa sala capitolare, dal suo aspetto iniziale, subì alcuni “tocchi” che la differenziavano dal passato. Luigi Rodriguez, che lavorò su commissione in diversi complessi ecclesiastici, affrescò la sala capitolare a inizio ‘600 ed è proprio a quest’ultimo che l’opera di restauro è collegata. I suoi affreschi sono stati oggetti di manutenzione, affinché la loro grandezza rimanesse inalterata dal tempo. Il risultato è stupefacente. La sala, cui si accede da est del chiostro, è tornata a vivere e, senz’altro, a far vivere un’esperienza unica al pubblico.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9694 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Porte aperte alla città, il nuovo progetto di Noi Voci di Donne

Alessandra D’alessandro -Porte aperte alla città. E’ questo il nome dato al progetto che sarà presentato dall’associazione Noi Voci di Donne venerdì 27 agosto alle ore 10. Il progetto è

Primo piano

Caserta. Spazio X, le lezioni sentimentali di Antonio Pascale

Claudio Sacco  – Lo Spazio X in via Petrarca 25 a Caserta si prepara ad ospitare venerdì 23 febbraio alle ore 21 lo scrittore Antonio Pascale. Il suo sarà un

Primo piano

Buoni spesa Caserta, online lista dei 35 punti vendita aderenti

Claudio Sacco – Sono 35 le attività, tra esercizi di generi alimentari, prodotti per l’infanzia e farmacie, nelle quali i cittadini casertani beneficiari potranno utilizzare i buoni spesa emessi dal