Lanificio 25. Tartaglia Aneuro & Friends, anteprima nazionale

Lanificio 25. Tartaglia Aneuro & Friends, anteprima nazionale

Regina Della Torre

– Parte da Napoli il tour “Oltre”, il nuovo disco di Tartaglia Aneuro che sarà presentato al pubblico, giovedì 21 dicembre al Lanificio 25 (apertura Lanificio 25: 21.30; concerto: 23.00). Un’anteprima nazionale che Lanificio 25 e MinimaLive hanno chiamato “Oltre: Tartaglia Aneuro & Friends”, perché sul palco dello spazio di piazza Enrico de Nicola 46 arriveranno altri artisti che hanno collaborato all’album, prodotto da iCompany, con il sostegno del progetto “S’illumina – Copia Privata per i Giovani, per la Cultura” – Bando Nuove Opere.

Il titolo del disco “Oltre” vuole rimandare ai punti cardinali di una bussola che guarda verso l’oltre, verso quello che si nasconde dietro la monotonia della quotidianità, dietro la finzione dei media, dietro le insicurezze indotte. Quell’“Oltre” che non può che essere vicino alla verità, troppo spesso sotterrata dalla superficialità che fa da padrona nella nostra civiltà. Un disco che si propone attraverso sonorità etniche, ritmi moderni, parole taglienti, ironia, melodie e sorrisi, di portare l’ascoltatore a contatto diretto con la sua voce interiore per ritrovare la sua magia naturale che non può che essere “Oltre” la superficie. Nel disco, composto da 11 brani, spiccano le collaborazioni con Daniele Sepe, O’ Zulù e Ciccio Merolla. Napoletano, o meglio, Flegreo d’origine, ma poliglotta nell’anima, il progetto Tartaglia Aneuro nasce nel 2012 dall’incontenibile bisogno espressivo di Andrea Tartaglia che riunisce attorno a sé il chitarrista e compositore Paolo Cotrone, il bassista Mattia Cusano, il percussionista Salvio La Rocca, e dopo una lunga gavetta in formazione “unplugged”, si aggiunge in pianta stabile il batterista Federico Palombacon, con cui inizia il lavoro di arrangiamento e rifinitura del materiale cantautorale di Tartaglia. Andrea Tartaglia ha già all’attivo una nomination al Premio Tenco per il pezzo Le Range Fellon. “Oltre” è il secondo disco della band, che arriva sul mercato discografico dopo “Per Errore”, album d’esordio del progetto Tartaglia Aneuro.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Scuola in…Canto, la Primaria “Lorenzini” al Teatro San Carlo

Emanuele Ventriglia -Gli alunni della Scuola Primaria Lorenzini di Caserta saranno protagonisti mercoledì 19 aprile alle ore 11,45 al Teatro San Carlo di Napoli nell’ambito della rassegna «Scuola Incanto». E’

Attualità

Donne afghane, la solidarietà delle mogli dei medici casertani

Maria Beatrice Crisci -Da Caserta solidarietà alle donne afghane. L’Ammi, Associazione Mogli Medici Italiani, sodalizio femminile di rilievo nazionale con sezioni in tutta Italia che si dedica al sociale oltre

Attualità

Reggia e Fragneto Monforte, mongolfiere in terra borbonica

Maria Beatrice Crisci – L’anno scorso fu uno spettacolo unico, una mongolfiera nel Parco della Reggia di Caserta. In tanti non vollero perdere l’occasione di veder alzare il pallone aerostatico proveniente