L’arte al femminile. La fotografia è donna.

L’arte al femminile. La fotografia è donna.

(Mario Caldara)L’arte al femminile non è solo un titolo di una mostra. È un’espressione che al suo interno racchiude un concetto ben preciso. L’arte sa essere donna, in tutta la sua potenza, nella sua massima espressività. L’arte sa essere donna e non bisogna mai dimenticarlo, anche se la storia sembra sia stata unicamente segnata da grossi nomi maschili. Julia Margaret Cameron, Florence Henri, Francesca Woodman, grandi artiste, fotografe, grandi donne, che hanno fatto dei propri scatti il mezzo per raccontarsi, sono in mostra a Napoli, al Museo Principe Diego Aragona Pignatelli Cortes – Casa Della Fotografia. «L’arte al femminile», mostra curata da Giuliano Sergio, inaugurata il 18 marzo e aperta al pubblico fino al 30 aprile, rappresenta un’occasione imperdibile per guardare a occhio nudo gli angoli più profondi, più veri, degli animi delle tre artiste, che hanno segnato tre epoche differenti. Cameron, Henry e Woodman, infatti, sono separate l’una dall’altra da ben cinquant’anni, ma ciò non significa che vi sia una sconnessione tra loro. Al contrario, vi è un forte legame, sintetizzato alla perfezione dalla mostra, che di per sé è impostata come fosse una sorta di dialogo. Al centro della discussione, ovviamente, la donna. Questa è sia artista sia musa ispiratrice, è sia colei dalla quale scaturisce arte sia il soggetto dell’arte stessa. Trenta scatti ciascuna per centocinquant’anni di storia, in cui la figura femminile si è fatta sempre più presente, ha rivendicato i suoi diritti, protagonista di una personale evoluzione. Ed è questo che si percepisce dalle fotografie in mostra: “evoluzione”, “cambiamento”, una vita in costante mutamento; la donna acquisisce maggior importanza all’interno del tessuto sociale, fino a poter alzare la voce autonomamente nella battaglia – ancora in corso, anche se con sfumature diverse – il cui fine ultimo è il raggiungimento di totale dignità e parità. I cambiamenti radicali nella percezione della donna all’interno della nostra società sono un tema delicato, affrontabile nel migliore dei modi solo da chi è dotato di estrema sensibilità, vale a dire le citate artiste, che raccontano, conversano, essendo tra loro affini, nonostante i periodi storici differenti. La mostra è un viaggio tra forti contraddizioni, ingiustizie, paradossi, rivincite, ciò che in sostanza hanno vissuto in prima persona. Esperienze come motore per esprimere il proprio io, la loro visione delle cose attraverso sguardi e visi altrui, gesti, pose, sensualità. Ci si addentra, quindi, nella storia, nell’evoluzione del mondo femminile, e non c’è altro di più profondo e affascinante.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Notte dei ricercatori, la conferenza stampa va in streaming

-Torna la Notte Europea dei Ricercatori. Quest’anno l’edizione campana sarà presentata con una conferenza stampa on line domani lunedì 23 novembre alle 11.30. La manifestazione si terrà il 27 e

Cultura

La fede contro il Covid, a Capua il Quindicinario di preghiera

Luigi Fusco -C’è attesa a Capua per gli appuntamenti liturgici del Quindicinario di Preghiera in preparazione alla prima domenica di ottobre, il cui inizio è previsto sabato 18 settembre presso

Spettacolo

Premio Bianca d’Aponte. Pochi giorni alla scadenza del bando

Claudio Sacco – Scade il prossimo 27 aprile il bando del 15° Premio Bianca d’Aponte, il contest italiano per cantautrici. Per maggiori informazioni si possono consultare i siti www.premiobiancadaponte.it e www.biancadaponte.it . La partecipazione