L’astronomia al tempo di Dante. Che spettacolo al Planetario!

L’astronomia al tempo di Dante. Che spettacolo al Planetario!

Claudio Sacco

-E’ per domani mercoledì 8 settembre l’appuntamento al Planetario di Caserta con l’Astronomia al tempo di Dante. La struttura celebra la ricorrenza del 700° anniversario della morte di Dante Alighieri (13-14 settembre 1321) con un evento culturale speciale. Lo spettacolo è inserito nel programma di eventi promosso dall’Its “Buonarroti” / Museo “Michelangelo” che gode (unico in provincia di Caserta) del patrocinio del Comitato Nazionale per le celebrazioni. Per i contenuti culturali decisamente articolati lo spettacolo è sconsigliato ai minori di anni 12. Infatti, saranno le immagini del Medioevo (da dipinti e miniature), le musiche dell’epoca e soprattutto le parole di Dante (dal Convivio, da Vita Nuova e Commedia) a guidare l’esplorazione di tanti fenomeni celesti. «Sono fenomeni scientifici che oggi sono sconosciuti ai più», dice il professore Luigi Smaldone, direttore scientifico del Planetario. Poi aggiunge: «Oggi il sapere scientifico è competenza di nicchia, estranea alla gran parte dei cosiddetti “uomini di cultura” ma nel medioevo la scienza era patrimonio condiviso della civiltà italiana ed europea grazie alla presenza di aritmetica, geometria e astronomia tra le quattro arti liberali del Quadrivio».

Lo spettacolo sarà occasione per scoprire che nel medioevo le conoscenze astronomiche fossero tutt’altro che arretrate. E che la cultura scientifica (anche nell’Alto Medioevo) non dimenticò le grandi conquiste di conoscenza della natura sviluppate nell’Antichità, anzi le valorizzò grazie alle innovazioni introdotte dagli Arabi. Dalle 20.30 sarà anche possibile partecipare alla visita guidata tematica agli strumenti di misura del Medioevo, esposti in copia nel percorso museale. “Poiché sono copie funzionanti realizzate su progetto del Planetario, potremo far sperimentare come si misuravano il tempo, gli angoli e le distanze all’epoca di Dante. E se per il tempo pensate solo alla clessidra o agli orologi da campanile…. Beh, avrete sorprese” dice Smaldone. Info, biglietti e prenotazione obbligatoria:
http://www.planetariodicaserta.it/calendario-spettacoli/ Per l’occasione, biglietto ridotto per tutti [5€].

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

La sala capitolare del complesso di San Lorenzo Maggiore torna a splendere

(Mario Caldara) – Fascino, storia, bellezza sono aspetti, elementi, che a Napoli si sentono a casa e che alla città appartengono. Ci si può, per esempio, stupire dinanzi alla Basilica

“Spiritus Mundi”, la scultura secondo Runggaldier e Ciaramella

Enzo Battarra – “Spiritus Mundi” è l’affascinante incontro di due anime, di due scultori. Uno altoatesino, Hermann Josef Runggaldier, l’altro sannita, Mario Ciaramella. Due spiriti fieri, dunque, due uomini legati

Primo piano 0 Comments

Otto marzo, il MantoLive Caserta si riempie di Mille Bolle Blu

(Maria Beatrice Crisci) – “Le mille bolle blu”, un titolo sognante. Era il 1961 quando Mina lanciò questa appassionante e ritmata canzone. Ebbene, Le Mille Bolle Blu è oggi il nome

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply